Il volo perfetto del carro della colombina

FIRENZE - Dopo l'annullamento nel 2020 e un'edizione a porte chiuse l'anno scorso, lo Scoppio del carro si è svolto stamani con il ritorno del pubblico in piazza del Duomo per l'antica manifestazione fiorentina per Pasqua, di fede e tradizione, che si tramanda da secoli: la sua origine viene fatta risalire alle Crociate. E perfetto è stato il volo della 'colombina', il congegno trasportato da un razzo innescato dal cero santo - 'accensione' a opera del cardinale Giuseppe Betori, arcivescovo di Firenze -, che 'incendia' il carro o meglio i petardi e i fuochi pirotecnici di cui è corredato.

Partita dall'altare della Cattedrale, la colombina ha raggiunto il carro di fuoco, detto Brindellone, posizionato tra Duomo e Battistero e poi, è tornata indietro. La  tradizione tramanda che se riesce a rientrare ci saranno buoni raccolti.

Condividi questo articolo

Pubblicità