Sfruttamento del lavoro, nei guai tre imprenditori

PIOMBINO - Sfruttamento del lavoro, deferiti tre imprenditori.15 ore al giorno di lavoro nei campi per una paga di neanche 3 euro l’ora, niente ferie, nessun contratto né contributi e nessuna assicurazione. Un’operazione della Guardia di Finanza della Compagnia di Piombino ha fatto luce sulle condizioni di centinaia di lavoratori, sia italiani che stranieri, impiegati in tre aziende agricole della Maremma.

Inoltre gran parte dei braccianti sarebbe stata costretta a vivere in affitto in un casolare abusivo sugli stessi terreni delle aziende agricole, in condizioni igenico sanitarie precarie senza acqua corrente né riscaldamento.

Le Fiamme Gialle hanno deferito i tre alla Procura per il reato di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro.

Parallelamente però ci sono anche le violazioni amministrative di cui gli imprenditori si sono resi responsabili. Queste riguardano il lavoro in nero, la mancata dichiarazione dei redditi, omessi versamenti Iva e di altre imposte. Contestate anche irregolarità nelle dichiarazioni per accedere ai contributi europei.

I tre indagati, nel ricevere gli avvisi di garanzia e dopo essere stati informati dell’esistenza di un procedimento penale a loro carico, hanno immediatamente proceduto al pagamento delle sanzioni amministrative contestate di Inps e Guardia di Finanza, versando nelle casse dell’Erario circa 5.800.000 euro.

Un servizio anche nei nostri telegiornali, visibili in diretta anche qui.

Condividi questo articolo

Pubblicità