Omicidi, il caso della pistola rubata a Massa Carrara

SARZANA - C'è un piccolo giallo nel più ampio quadro dei due omicidi perpetrati a Marinella di Sarzana dove Nevila Pjetri e la trans Camilla hanno perso la vita, ovvero il giallo relativo al furto di una pistola calibro 22 dalla cassaforte del padre di Daniele Bedini, l'artigiano di 32 anni in carcere

perché sospettato di aver ucciso Pjetri, freddata con due colpi calibro 22 alla testa. Nella serata di sabato scorso, il padre di Bedini ha chiamato la polizia perché, tornando a casa, ha trovato la cassaforte scassinata. All'interno l'uomo custodiva, tra l'altro, diverse pistole alcune delle quali di particolare pregio, ma solo una era stata rubata: una semiautomatica calibro 22. Le indagini sul furto sono affidate alla polizia della questura di Massa Carrara coordinata dalla procura del capoluogo apuano ma gli atti potrebbero essere richiesti dalla procura della Spezia, titolare delle indagini sulla morte di Pjetri e Camilla.

Servizi di cronaca nel corso dei nostri notiziari (14.30 e 20.30) visibili in diretta anche online.

Condividi questo articolo

Pubblicità