Economia del mare, presentati i dati della Cciaa

LIVORNO - Nelle province di Grosseto e Livorno alla fine del 2020 avevano sede 6.599 imprese blu. Questi i dati che mergono dal rapporto sull’Economia del Mare su tali province elaborato dalla Camera di commercio della Maremma e del Tirreno.

Nel 2019 risultavano occupate in questo settore 28mila persone; un potenziale che nello stesso anno ha generato direttamente circa 1,4 mld/€ di valore aggiunto, a cui si aggiunge quanto prodotto dalle attività collegate a monte ed a valle e stimabile in circa 2,6 mld/€, quasi il doppio di quello derivante direttamente dal settore. Quest’ultima cifra, sommata a quanto prodotto dalla Blue economy in senso stretto, porta il valore aggiunto totale blu 2019 delle due province a superare i 4 miliardi di euro.

Valutando il fenomeno in termini assoluti, Livorno con le sue 4.199 imprese blu risulta la provincia toscana con il più alto numero di imprese legate all’Economia del mare, seguita da Lucca e subito dopo da Grosseto (2.400 imprese blu).

Rispetto al 2019, nelle province di Livorno e Grosseto le imprese blu sono aumentate rispettivamente dell’1,4% e dell’1,3% mentre l’universo imprenditoriale non mostra la stessa enfasi evolutiva (Livorno +0,1%e Grosseto -0,1%).

La novità di quest’anno è costituita dall’analisi di alcuni dati provenienti dai bilanci depositati in CCIAA da cui si apprende che nel 2020 le imprese dell’Economia del mare dell’area di interesse Maremma e Tirreno hanno realizzato Ricavi per vendite e prestazioni (Fatturato) per quasi 2 miliardi di euro, l’82% circa realizzati sul territorio livornese e per il restante 18% in Maremma.

 

Il confronto con la redditività del totale economia porta ad affermare la miglior performance delle imprese blu rispetto al contesto generale. In provincia di Livorno la redditività d’impresa generale nel 2020 è sotto il valore minimo accettabile ed in calo rispetto al 2019. Al contrario, la capacità delle imprese blu di generare profitto è migliore ed in aumento rispetto all’anno pre Covid.

 

Condividi questo articolo

Pubblicità