Quarta dose subito, l’Italia ha già deciso

La quarta dose in Italia la potranno fare subito anche gli over 60 e i fragili. Non appena le autorità europee hanno deciso il via libera, il ministro Speranza si è adeguato. Insomma, dopo le nuove linee guida del ministero, scatterà una nuova fase della campagna di vaccinazione, senza aspettare l’autunno.

"Guai a pensare – dice il ministro all’Ansa - che la battaglia contro il Covid sia vinta. E' ancora in corso e dobbiamo tenere un livello di attenzione e di prudenza".

Le parole di Roberto Speranza hanno riscontro in quelle della commissaria europea alla salute, secondo la quale la nuova impennata dei contagi impone una scelta rapida.
Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) e l'Agenzia europea dei medicinali (Ema) raccomandano la somministrazione del secondo richiamo (la quarta dose, in pratica) del vaccino anti-Covid a tutti coloro che hanno più di 60 anni e alle persone vulnerabili.

L’accelerazione dipende certo dagli ultimi dati sul contagio in tutta Europa. In Italia la scorsa settimana ci sono stati 1071 casi su 100mila abitanti. L'Rt, l’indice di contagio, è salito a 1,4. Vuol dire che dieci persone ora ne infettano 14 e dunque il numero dei positivi aumenta in modo esponenziale. Si reinfettano spesso anche coloro che il virus l’hanno già avuto: la percentuale è dell’11%.

In ospedale la pressione non è ancora eccessiva, ma continua a salire.  Il tasso di occupazione dei posti letto in area medica è del 13,3 % e in terapia intensiva è al 3,5%.

Tutte le informazioni e nuovi commenti nei nostri telegiornali in diretta.

 

 

Condividi questo articolo

Pubblicità