Disordini al bagno Venere, scattano daspo

MARINA DI BIBBONA - Il questore di Livorno ha adottato un divieto di ritorno nel Comune di Bibbona e sei daspo “Willy” nei confronti di ragazzi che hanno creato disordini al bagno Venere di Marina di Bibbona . Alle 10.00 del mattino del 25 luglio u.s., un gruppo di ragazzi scavalca la recinzione dei Bagni Venere Marina di Bibbona ed occupa gli ombrelloni e le sdraio dello stabilimento. I bagnini li invitano ad allontanarsi perché le strutture sono riservate ai clienti, ma vengono aggrediti con lancio di sedie ed ombrelloni ed uno di essi riporta lesioni. Anche la titolare dello stabilimento, intervenuta per chiedere loro di andarsene, viene minacciata.

Le indagini degli agenti del Commissariato di Piombino hanno portato all’individuazione dei 7 responsabili,  provenienti dalla provincia di Firenze, di cui un solo maggiorenne e 6 minorenni, alcuni dei quali già gravati da precedenti per reati contro il patrimonio commessi con violenza, che affronteranno il procedimento penale per i reati a loro contestati.

Il Questore di Livorno nell’esercizio della potestà che gli compete quale Autorità di Pubblica Sicurezza ha munito il diciottenne di divieto di ritorno nel comune di Bibbona per tre anni ed adottato nei confronti dei minori il cd. “daspo willy”, il provvedimento di divieto di accesso e stazionamento al Bagno Venere ed altri pubblici esercizi ubicati nelle immediate vicinanze, per durate da uno a due anni, in relazione alla posizione di ciascuno degli autori delle condotte illecite.

Le misure adottate si basano sul presupposto della pericolosità sociale che si evince dalle specifiche e gravi modalità dei fatti caratterizzati dall’agire del “gruppo”, facendosi forza l’un con l’altro in relazione al numero di  aggressori e con un’escalation di violenza sulle cose e persone, che hanno creato disordini e suscitato particolare allarme sociale, nel contesto di un pubblico esercizio particolarmente affollato nella stagione estiva, con il pericolo di degenerare in ulteriori conseguenze e coinvolgere altri frequentatori del bagno, rendendo necessario l’invio di pattuglie delle Forze di Polizia.

Inoltre, per i minori, il divieto persegue l’obiettivo del recupero sotto il profilo normativo ed educativo attraverso uno strumento che prevenga la reiterazione di simili condotte ed  impedisca - a tutela degli stessi- ulteriori e ben più gravi esiti.

Condividi questo articolo

Pubblicità