Ricordato il bombardamento del 1943

PISA - Ricordato il bombardamento del 1943. Al Bastione del Sostegno  c'erano tutti i rappresentanti delle istituzioni locali: il sindaco Michele Conti, il presidente della Provincia, Massimiliano Angori, il prefetto di Pisa, il presidente del Consiglio Comunale, Alessandro Gennai e il presidente dell'Anpi Provinciale, Bruno Possenti.

Ricordato il bombardamento del 1943

C'erano poi anche i vertici delle forze dell'ordine e delle forze armate presenti sul territorio. In quell'occasione morirono ufficialmente un migliaio di cittadini inermi, di civili che erano a lavoro nelle fabbriche di Porta a Mare o nelle loro abitazioni a pranzo. I numeri ufficiali parlano di un migliaio di morti ma quelli ufficiosi dicono che il massacro è stato molto più importante. Inoltre fu distrutta la stazione ferroviaria centrale e quasi raso al suolo il quartiere.

Ricordato il bombardamento del 1943

Così il Comune e gli altri enti hanno voluto, come ogni anno, ricordare quei tristi eventi che acquistano purtroppo tanto più significato se contestualizzati nel periodo di guerra in Europa che stiamo vivendo.

 

 

Il giorno precedente sempre a Pisa ma questa volta nel quartiere San Biagio, sono stati ricordati 2 eccidi nazifascisti accaduti in realtà il   agosto del 1944. Uno fu realizzato vicino ad una casina rosa e l'altro nella Chiesa di San Biagio dove alcuni civili si erano rifugiati proprio per sfuggire alle torture nazifasciste.

Ricordato il bombardamento del 1943

La nostra emittente ha realizzato 2 specifici servizi sulle 2 diverse inizative inseriti nel nostro telegiornale e visibili anche on line sulla nostra live tv.

Condividi questo articolo

Pubblicità