Gara Tpl, Consiglio di Stato respinge appello Mobit

FIRENZE - Gara Tpl, Consiglio di Stato respinge appello Mobit. Si conclude con il respingimento da parte del Consiglio di Stato l’appello proposto da Mobit nei confronti della sentenza del TAR Toscana del febbraio scorso sul contenzioso della gara del tpl nel lotto unico regionale.

I motivi di ricorso, ritenuti infondati ed in parte inammissibili, riguardavano essenzialmente gli adeguamenti del corrispettivo per il tempo trascorso oltre agli adeguamenti oggettivi intervenuti sui servizi di trasporto sempre in conseguenza del lungo periodo intercorso rispetto alla presentazione delle offerte a luglio 2015, trattandosi peraltro di modifiche, come mette in rilievo la stessa sentenza, già intervenute in fase del contratto intercorso con i gestori storici del servizio, allora raggruppati in One scarl.

A ciò si è aggiunto l’ulteriore elemento di perturbazione rappresentato dalla pandemia, che ha alterato gli equilibri di tutte le aziende di TPL, tanto da spingere il governo centrale ad emanare norme e fondi appositi per i mancati ricavi registrati nel periodo emergenziale e di cui tutti i gestori hanno beneficiato. Anche riguardo a tale aspetto il contratto non poteva non tenerne conto con norme specifiche, essendo intervenuta la sua stipula ad agosto 2020.

“Dopo la sentenza del giugno 2021 che ha decretato la legittimità dell'aggiudicazione- ha detto l’assessore alla mobilità e trasporti Stefano Baccelli- , ora un ulteriore passaggio anche su questo  aspetto della gara regionale. E finalmente la chiusura di un  contenzioso durato 7 anni”

La  Regione intanto sta mettendo in campo tutte le possibili azioni con il Concessionario per ripristinare un livello di servizio adeguato alle esigenze delle utenza rispetto alle difficoltà registrate in questi ultimi mesi, soprattutto sull’urbano di Firenze; difficoltà essenzialmente legate alla carenza degli autisti, che si era già manifestata negli ultimi mesi della precedente gestione e accentuata dalla rinuncia di una parte degli addetti a trasferirsi nella nuova azienda, carenza che Autolinee Toscane non è ancora riuscita a colmare nonostante le iniziative per l’assunzione di nuovi autisti, come l’attivazione dei progetti “Accademia”, le scuole per la formazione degli autisti che Autolinee Toscane assume subito, sostenendo interamente i costi di formazione necessari per il Tpl, comprese le patenti specialistiche.

L’azienda sta inoltre assicurando sul piano investimenti un concreto rinnovo del parco mezzi, sia con una attuazione delle previsioni contrattuali con l’acquisto già al primo anno di quasi tutti i mezzi previsti nel primo biennio, sia grazie all’attivazione dei fondi statali dedicati ai piani investimenti, anche tramite i fondi ministeriali e previsti dal Pnrr.

Condividi questo articolo

Pubblicità