A New York vola il sistema Peccioli

PECCIOLI- Obiettivo New York con un'esposizione prevista nel 2023.Al centro la forza e la storia della sua comunità. Il Sistema Peccioli è già a lavoro per costruire un progetto che garantirà una nuova vetrina internazionale: tra gli obiettivi principali anche quello di organizzare viaggi guidati di pecciolesi nel cuore della Grande Mela. Una comunità simbolo di resilienza in grado di conquistarsi un suo spazio alla Biennale di Architettura di Venezia nel 2021. Una comunità che, nel 2023, tornerà a essere protagonista su un palcoscenico internazionale e lo farà volando oltre oceano. A New York, infatti, dopo la visita istituzionale da parte di una delegazione pecciolese guidata dal sindaco Renzo Macelloni, Peccioli avrà la grande possibilità di essere al centro di un progetto espositivo che sbarcherà nella Grande Mela. E il Sistema Peccioli sta già lavorando per organizzare la presenza di un folto gruppo di cittadini proprio nella città tra le più iconiche degli Stati Uniti.

Incontro Panizzi Macelloni
Un'iniziativa in grado di mettere insieme vari ambiti, dalla cultura alla mobilità, dal sociale alle infrastrutture, tornando a mettere al centro l'importanza di essere comunità resiliente. La presenza a Venezia, in particolare, ha permesso di gettare le basi per una serie di collaborazioni che puntavano a rendere Peccioli un punto di riferimento per una comunità scientifica internazionale. A Peccioli, infatti, si è tenuta il 4 novembre 2019 la prima conferenza Internazionale delle Comunità Resilienti con la collaborazione di UN-Habitat (il programma delle Nazioni Unite per gli insediamenti umani) da cui è nata la Carta di Peccioli poi presentata alla Biennale, un protocollo formato da 10 articoli che è la Costituzione della Nazione delle Comunità Resilienti Italiane. Sulla base della carta sono stati sottoscritti accordi con l’Università di Pisa, la University of Portsmouth (UK) e il New York Institute of Technology per fondare a Peccioli un centro di ricerca sulla resilienza.

New York
È un percorso che ha portato Peccioli, insieme ad altri comuni della Valdera, a presentare al Ministero della Cultura il dossier “Valdera 2025” di candidatura per il conferimento del titolo di “Capitale italiana della Cultura”. Un percorso che il Sistema Peccioli intende proseguire e rafforzare con una serie di iniziative volte a consolidare e incrementare questo patrimonio di visibilità e appetibilità del territorio, a livello locale, nazionale e internazionale. L’invito a recarsi a New York è arrivato all’amministrazione da parte dell’Istituto Italiano di Cultura, emanazione del Ministero degli Affari Esteri, che ha sede a Manhattan e opera per la promozione della lingua e cultura italiana negli Stati Uniti.

Condividi questo articolo

Pubblicità