Aamps: bilancio, assunzioni e inceneritore, il dibattito in Comune

LIVORNO - Si è parlato delle politiche di assunzione di Aamps e del bilancio dell’azienda nella conferenza stampa che si è tenuta questa mattina a Palazzo Comunale e alla quale hanno partecipato il sindaco Luca Salvetti, l'assessora all'Ambiente Giovanna Cepparello, l'assessore al Lavoro con delega alle Aziende Gianfranco Simoncini, l’amministratore unico di Aamps Raphael Rossi, il direttore generale di Aamps Raffaele Alessandri e Daniele Fortini presidente di RetiAmbiente.

Ha fatto gli onori di casa il sindaco Salvetti che per primo ha preso la parola per illustrare le importanti operazioni portate avanti da Aamps e dall'Amministrazione Comunale negli ultimi tre anni.

“Quella di oggi – ha affermato il Sindaco - è una tappa fondamentale e nodale che si basa su quattro elementi essenziali: la chiusura del bilancio 2022 di Aamps con un utile che varia dai 600 ai 700 mila euro; la stabilizzazione di 30 precari entro il 15 di febbraio; la pubblicazione del bando per l'internalizzazione di 96 dipendenti Avr; il percorso per il superamento dell'inceneritore con le relative tempistiche.

Da tre anni consecutivi i bilanci di Aamps sono in attivo con un utile che varia dai 500 mila al milione di euro, dati che testimoniano che Aamps è un'azienda forte e in salute, grazie al percorso che questa Amministrazione ha intrapreso prima, durante e dopo l'uscita dal concordato. A questo aggiungiamo la stabilizzazione e assunzione di oltre 100 persone negli ultimi due anni. Inoltre subito dopo l'assemblea di Aamps del 3 febbraio, sarà pubblicato il bando per l'internalizzazione di 96 lavoratori Avr. Questo percorso si concretizzerà nell'arco di questo anno appena sarà tecnicamente possibile, ovvero appena ci saranno i mezzi sui quali queste persone lavoreranno. Passaggio epocale per chi ne sarà protagonista”.

L'assessora all'Ambiente Giovanna Cepparello si è soffermata sul piano per il superamento del termovalorizzatore. “I due pilastri di questo piano sono: da un lato il nuovo piano industriale sia a livello di Aamps che di RetiAmbiente, dall'altro la raccolta a tariffazione puntuale che consentirà di raggiungere l'obiettivo di ridurre la quantità di indifferenziato, che è la prima cosa da fare se vogliamo indirizzarci verso un'impiantistica di tipo sostenibile. Bisogna dunque ridurre la frazione ambientalmente più pesante, che in sostanza è l'indifferenziato”.

“L'operazione che abbiamo portato avanti in questi tre anni – ha sottolineato l'assessore al Lavoro con delega alle Aziende Gianfranco Simoncini - è stata una operazione che ha posto al centro la qualità del servizio insieme ai diritti dei lavoratori. Il fatto che oggi noi abbiamo stabilizzato 100 persone che da tempo lavoravano in Aamps, il fatto che andiamo a internalizzare dando eguali diritti credo sia un fatto di grande importanza per la realtà sociale ma anche per l'idea che la nostra Amministrazione ha rispetto ai diritti dei lavoratori”. Parlando del bilancio Aamps l'assessore ha aggiunto: “Il sindaco ha affermato che Aamps negli ultimi tre anni ha chiuso in positivo, io annuncio che la Società ci ha mandato nei giorni scorsi il nuovo budget per il 2023 e sulla base del confronto che è stato portato avanti tra l'Amministrazione e la Società anche il 2023 chiuderà in attivo. Questo avviene anche e soprattutto perché Aamps è in RetiAmbiente. Oggi, infatti, il nostro Comune è pienamente dentro RetiAmbiente, è pienamente dentro l'Ato e i costi di smaltimento per i cittadini livornesi sono 139 euro a tonnellata come per tutti gli altri cittadini che conferiscono rifiuti nell'Ato Toscana Costa”.

Daniele Fortini, presidente RetiAmbiente ha ricordato l'importanza dei prossimi interventi legati al piano industriale della holding: “Quanto siamo riusciti a fare su Livorno con AAMPS e l'Amministrazione Comunale sul fronte delle assunzioni del personale rappresenta una svolta epocale. Non sono frequenti i casi in cui si lavora con tanta tenacia per garantire gli stessi diritti e la stessa retribuzione nel trasferimento di risorse umane da un'azienda privata ad un'azienda pubblica. Mi compiaccio per il risultato ottenuto anche perché mi lascia ben sperare per eventuali operazioni future da introdurre nel territorio di nostra competenza dell'ATO Toscana Costa. Sul fronte della chiusura del termovalorizzatore ubicato in località Picchianti stiamo profondendo il massimo degli sforzi possibili per garantire gli equilibri di bilancio ottenendo, al contempo, i risultati ambientali in precedenza condivisi. Le scelte che verranno fatte su questa porzione di territorio sono strettamente legate al piano industriale della holding della portata di 240 milioni di euro di investimento che siamo prossimi a presentare. In questa partita giocherà un ruolo fondamentale il progetto per la realizzazione a Peccioli del nuovo impianto di ossicombustione per la valorizzazione di rifiuti trattati, da cui estrarre vetro, anidride carbonica industriale ed energia.

“AAMPS è un'azienda in salute – sono state le parole di Raphael Rossi, amministratore unico Aamps - a testimoniarlo sono anche il patrimonio netto che si conferma in crescita e il budget previsionale 2023 che prevede di chiudere in utile come negli ultimi anni. Anche grazie a questi risultati siamo nella possibilità, in accordo con l'Amministrazione Comunale di Livorno e di concerto con RetiAmbiente, di procedere già dal mese prossimo con la stabilizzazione di ulteriori 30 lavoratori e di chiudere in autunno la partita dell'internalizzazione del servizio di spazzamento sottoscrivendo accordi dedicati con le organizzazioni sindacali. Nel frattempo rimaniamo in attesa delle prescrizioni della Regione Toscana sulla chiusura dell'inceneritore che, comunque, contiamo di mantenere attivo fino alla fine dell'anno per cogliere nei mesi invernali le appetibili opportunità offerte dal mercato dell'energia elettrica”.

Raffaele Alessandri, direttore generale Aamps, ha concluso ricordando che ”Il lavoro profuso di concerto con la nostra holding di riferimento ci permette di cogliere traguardi significativi anche sul versante delle politiche di gestione delle risorse umane. In pochi anni siamo riusciti a stabilizzare oltre 100 unità. In questo modo siamo nella possibilità di migliorare l'erogazione dei servizi al cittadino ed introdurne progressivamente di nuovi. Oltre all'introduzione della tariffazione puntuale in quattro quartieri, che progressivamente andremo ad estendere nel resto della città, l'anno in corso ci vedrà attivi anche nella risoluzione delle criticità presenti nel servizio di raccolta dei rifiuti nel centro cittadino”.

Condividi questo articolo

Pubblicità