Nuovi ingressi in “livrea bianca”

LIVORNO. Entrano in servizio 5 nuovi bus a metano della AT che così porta a 9 i nuovi mezzi riconoscibili con la loro livrea bianca.

Un rinnovo pari al 10% dell’intero parco mezzi. Saranno adibiti a coprire le aree urbane ed extraurbane. Un investimento in modernità, comodità, minor impatto ambientale con abbattimento verso lo zero delle emissioni di particolato.

Si tratta di un investimento importante per la nostra azienda – spiega l’AD Jean Luca Laugaa -. In pratica da dicembre a oggi, quindi in poco più di un mese abbiamo acquistato per il bacino di Livorno 19 nuovi mezzi, pari a quasi il 10% dell’intero parco mezzi, per un investimento vicino ai 3,9 milioni di euro. A mio avviso, questa è la migliore dimostrazione del lavoro che concretamente Autolinee Toscane sta facendo e farà per dare ai cittadini del territorio di Livorno e a tutta la Toscana un servizio di mobilità pubblica su gomma sempre più efficace. Infatti, a fianco dei nuovi mezzi, continuano anche gli investimenti per realizzare anche da punto di vista tecnologico una moderna impresa regionale di trasporto per persone”. 

Il piano di Autolinee Toscane prevede che entro la fine del prossimo biennio sarà rinnovata quasi la metà di tutti i bus del TPL, per Livorno questo significa che entro la fine del 2025 ci saranno circa altri 90 nuovi bus per un investimento che sarà di circa 18 milioni di euro. In questa maniera, oltre alla totale rottamazione dei bus più vecchi a cominciare dagli Euro 2, ci sarà un dimezzamento dell’anzianità dei mezzi che dai 14 anni registrata a novembre 2021 (quando “at” subentra nella gestione del TPL ai precedenti gestori) scenderà a 7 anni, in linea quindi con l’età media dei più avanzati Paesi UE, 

I 5 nuovi mezzi a metano sono Iveco Crossway 12 metri LE, una sigla che sta per low entry dato che sono dotati di un pianale molto basso per facilitare l’entrata e l’uscita degli utenti. Si tratta di bus assai adatti a percorsi urbani e anche sub-urbani, visto l'accesso senza barriere per i passeggeri grazie al pianale ribassato tra la porta anteriore e centrale e alla pedana disabili manuale. Possono ospitare fino a 95 persone (43 sedute e 52 in piedi), più ovviamente il posto per i disabili e il posto guida dell’autista. La trazione a metano poi garantisce un elevato rapporto tra energia sviluppata e quantità di anidride carbonica emessa; infatti, il metano come gas naturale è un combustibile a basso impatto ecologico con emissioni di particolato praticamente prossime allo zero e ad emissioni di NOx ridotte di oltre il 40%. In più anche la rumorosità è ridotta e l’utilizzo del veicolo risulta molto silenzioso non solo per l’autista e i passeggeri, ma anche per i residenti delle zone di transito. 

I nuovi mezzi, come tutti quelli urbani della Toscana, sono di colore bianco ed espongono il logo “at”. I nuovi mezzi faranno servizio nel bacino di Livorno suburbano e come per tutti i mezzi di “at” è stato installato il sistema AVM, videosorveglianza e conta-passeggeri, obliteratrice e validatrice. 

Condividi questo articolo

Pubblicità