Nuovo scontro sul pedaggio per la Fipili

La questione pedaggio per la Fipili provoca nuove tensioni politiche.

L’ultimo incidente ha creato un altro tappo sulla Firenze Pisa Livorno, tra Lavoria e Vicarello. Più di due ore di stop e gravi conseguenze per una persona coinvolta nell’incidente. Ed è accaduto di sabato, quindi il traffico era ridotto e di parecchio.

Quella strada è una roulette russa, dice chi la percorre tutti i giorni. Insicura e lenta, in molti tratti è un colabrodo con i lavori che si rendono necessari molto spesso.

'Toscana Strade' è il progetto di Giani

Da più di un anno il presidente della Regione ha varato un progetto: quello di Toscana Strade. Una società in house, quindi interna alla Regione stessa, interamente pubblica che dovrebbe realizzare tutti i lavori necessari per metterla in sicurezza e creare anche una terza corsia nelle due principali strozzature. Sono quelle intorno a Scandicci, vicino all’innesto dell’autostrada A1, e in Valdera.

Il pedaggio per la Fipili? Le categorie si oppongono

Per finanziare i lavori però è necessario introdurre il pedaggio. Che nella proposta del presidente è selettivo, cioè riguarda solo i tir. Con tanto di porte elettroniche per non rallentare il passaggio. E su questo sono cominciati i guai. Le categorie degli autotrasportatori sono sul piede di guerra. Il presidente fiorentino della Cna dice che allora dovrebbero pagare tutti, automobilisti compresi. E propone l’ipotesi del bollino, come avviene in alcuni Paesi europei. Confartigianato chiede che prima si faccia una strada sicura e veloce e solo dopo si parli di pedaggio. Assotir fa notare che quella strada, la Fipili, è l’unica via possibile per servire il distretto centrale della Toscana.

Giani risponde che non ci sono risorse dallo Stato e che quella del pedaggio per la Fipili è l’unica soluzione possibile per fare i lavori necessari. Il Centrodestra replica che la strada è di competenza regionale e che Toscana Strade non ha ancora prodotto niente di utile.

Condividi questo articolo

Pubblicità