Agricoltori in protesta a livello europeo

FIRENZE- Continua ad oltranza la protesta degli agricoltori della Tuscia come già da giorni avviene in Spagna, in Francia e in Belgio. Momenti di tensione al casello di Orte sull'A1. Gli agricoltori in presidio hanno tentato di bloccare la circolazione ma le forze dell'ordine sono intervenute impedendo il blitz. Una nuova protesta si stava svolgendo da questa mattina, nei pressi del casello autostradale di Orte, provincia di Viterbo, sull'A1. I manifestanti, con alcuni trattori e mezzi agricoli si sono radunati sulla rotatoria antistante in casello. Sul posto sono presenti le forze di polizia che hanno segnalato la possibilità di disagi alla viabilità, in entrata e in uscita dal casello. Secondo quanto riferito dagli organizzatori, alla protesta hanno partecipato anche diversi agricoltori provenienti dall'Umbria.

Dopo il blocco del casello autostradale di Orte, questa mattina una quarantina di mezzi agricoli hanno paralizzato il traffico della cassia nord in prossimità di Porta Fiorentina, una delle porte principali di accesso a Viterbo. Poco prima del solito raduno sulla Cassia accanto al cimitero, alcuni manifestanti si sono fermati di fronte alla sede della Coldiretti Viterbo, dove hanno strappato le bandiere che erano sulla porta. Le bandiere sono poi state bruciate in segno di protesta.

Ma su questo episodio gli organizzatori nazionali si sono dissociati, raccomandando di mantenere i toni della protesta ma senza scendere in atti di violenza..

La protesta si collega a quanto in corso a livello europeo in Spagna e Francia e per l’Italia risponde al nome del Movimento Riscatto Agricolo.

Alle 11 il corteo di trattori, partito dal punto di ritrovo, ha percorso via della Palazzina, Piazzale Gramsci e via Garbini paralizzando il traffico.

Altre colonne di protesta si sono registrate nel Grossetano e a Navacchio e per le quali ci saranno servizi nel merito nei nostri notiziari che potranno essere seguiti anche su cellulare e smartphone con la app live tv dal sito granducatotv.it

Condividi questo articolo

Pubblicità