Darsena Europa, nuovo studio sulle criticità

PISA - Chiediamo al più presto alla Regione Toscana un tavolo tecnico per presentare una proposta innovativa per la compensazione sul litorale pisano degli effetti della realizzazione della Darsena Europa. Certamente siamo favorevoli alla nuova infrastruttura che può consentire lo sviluppo economico non solo del porto di Livorno ma dell’intero territorio regionale. Ma vogliamo anche garanzie per il nostro litorale, sia sul piano ambientale e naturalistico che economico». Lo ha detto questa mattina il Sindaco di Pisa, Michele Conti, in occasione della presentazione alla stampa del terzo studio tecnico, commissionato dal Comune di Pisa, sulla quantificazione degli effetti sul litorale pisano della “Darsena Europa”.

«Non ci convincono gli strumenti proposti - ha continuato Conti -, quali il ripascimento tradizionale con un ‘sabbiodotto’ che prevede una condotta che dal canale scolmatore attraverserà le spiagge di Calambrone e Tirrenia. A nostro avviso non sono sufficienti a garantire la linea di costa nei prossimi decenni. Vogliamo proporre e condividere un metodo non convenzionale già realizzato in altre parti d’Europa che non contrasta con la natura ma aiuta a evitare il fenomeno dell’erosione. Anche di recente, abbiamo visto cosa è successo all’abitato di Marina di Pisa e i danni che provoca un forte arretramento della linea di costa. Oggi, siamo soddisfatti che ci sia stato l’intervento in somma urgenza da parte della Regione Toscana. Ma siamo altresì convinti che, con innovativi studi e tipologie di interventi, certi fenomeni si possano evitare e prevenire. Peraltro, problemi di erosione importanti si verificano ormai da decenni anche nel Parco di San Rossore e anche lì potrebbe essere messo in campo un progetto simile che possa preservare o quantomeno contenere il fenomeno dell’arretramento della linea di spiaggia. Come Comune, negli anni, abbiamo finanziato tre diverse tipologie di studio per conoscere i possibili effetti sul nostro litorale di Darsena Europa e vogliamo, pretendiamo, di essere ascoltati affinché vengano realizzate opere di compensazione moderne, rispettose del mare e della sua flora e fauna, efficaci e durature nel tempo».

Questa mattina, infatti, è stato presentato il terzo studio tecnico dedicato alla quantificazione degli effetti dell’intervento denominato “Darsena Europa” e la valutazione dell’efficacia di un ripascimento non convenzionale della costa. Lo studio prevede “effetti, ritenuti non trascurabili nel tratto di costa immediatamente a Nord della foce dello scolmatore, quantificati in termini di variazioni del clima ondoso locale, del regime di trasporto sedimentario e di evoluzione della linea di riva”. A compensazione di tali effetti, lo studio valuta “l’efficacia di un ripascimento tradizionale (da 10.000 m3) e di un ripascimento non convenzionale del tipo ‘Sand Engine’ in due configurazioni, da 100.000 m3 e 200.000 m3. Tali interventi risultano efficaci in primis a compensare i seppur minimi incrementi di arretramento determinati in tale area dalla realizzazione della Darsena Europa e nello stesso tempo a mitigare il fenomeno erosivo ‘naturale’ già in atto nel litorale di Calambrone. L’intervento di ‘Sand Engine’ si pone inoltre l’obiettivo di ‘nutrire’ eventualmente il tratto di costa più a Nord fino al litorale di Marina di Pisa (non oggetto di studio). Attualmente, quest’area risulta altamente antropizzata e caratterizzata dalla presenza di diverse opere di difesa, volte a ridurre i gravi problemi erosivi in corso. Le due configurazioni di ‘Sand Engine’ testate hanno mostrato che, a 10 anni dallo sversamento, il ripascimento non risulta ancora smantellato del tutto. In aggiunta, sempre a 10 anni dallo sversamento, si può affermare che il litorale di Marina di Pisa, ubicato a circa 5 km dal ‘Sand Engine’ non risulta essere influenzato dal ripascimento”.

 

«La presentazione dei risultati del terzo studio commissionato dall’Amministrazione comunale - dichiara l’assessore all’ambiente Giulia Gambini - con riferimento al progetto relativo alla realizzazione della Darsena Europa costituisce un’ulteriore e importante tappa della scelta che il Comune di Pisa ha deciso di portare avanti con riferimento alla tutela e difesa del territorio e dell’ambiente legato agli effetti che questa imponente infrastruttura potrà avere sulla costa di pertinenza. Sin da subito, la volontà del Comune di Pisa è stata quella in modo responsabile e con un approccio teso a fare sistema con tutti gli enti coinvolti, a partire dalla Regione Toscana, di voler approfondire e comprendere quelle che potranno essere le ripercussioni di tale infrastruttura, indubbiamente strategica per tutta la Regione, ma con degli effetti che si produrranno nel breve, medio e lungo periodo sulla linea di costa del nostro litorale, effetti questi che l’Amministrazione comunale non avrebbe mai potuto ignorare. Coerentemente con quanto emerso dai due precedenti studi, il Comune di Pisa anche nel procedimento di VIA ha portato i propri contributi evidenziando da un punto di vista tecnico quelli che potrebbero essere gli interventi tecnici e le opere di compensazione da adottare al fine di contenere e contrastare l’impatto della Piattaforma Europa sulla costa di competenza, con particolare riguardo alla zona di Calambrone. Il Comune di Pisa ha evidenziato, anche attraverso i contributi ufficiali prodotti, quelle che potranno essere le criticità e le possibili soluzioni al fine di mitigare possibili danni in termini ambientali, non solo con riferimento al fenomeno dell’erosione costiera che costituisce per il litorale una problematica da affrontare in termini prioritari, ma anche in termini di salvaguardia della biodiversità che caratterizza il tratto di costa interessato dagli effetti della Darsena Europa».

«Il Comune di Pisa – conclude Gambini - ancora una volta chiede che la Regione, unico soggetto competente per la tutela dall’erosione costiera oltreché soggetto che finanzierà l’opera con circa 200 milioni di euro dei 450 milioni di euro stimati, tenga conto dei risultati dei tre studi indipendenti al fine di individuare quelle che sono le opere necessarie al fine di tutelare il litorale e in particolare valutando come preferibili sistemi più naturali e compatibili con il sistema e l’ecosistema della costa come quelli che l’Amministrazione comunale ha proposto ritenendo che siano più efficaci oltreché più compatibili e meno impattanti nei confronti dell’ambiente. Il Comune ancora una volta conferma la massima attenzione alla tutela del litorale con particolare attenzione al fenomeno dell’erosione costiera alla luce degli eventi che si sono verificati sul finire del 2023 che hanno evidenziato gli effetti della mancata manutenzione delle opere di difesa sempre di competenza regionale e con particolare riguardo agli effetti della realizzazione della Darsena Europa».

 

Condividi questo articolo

Pubblicità