Mercoledì l’11esimo sbarco di migranti a Marina di Carrara

CARRARA - La Geo Barents torna a Carrara. La nave di Medici senza frontiere attraccherà al porto di Marina mercoledì mattina

La Geo Barents sta facendo rotta verso il porto di Marina di Carrara. La nave di Medici senza frontiere viaggia verso lo scalo apuano con 249 migranti soccorsi al largo della Libia. Lo sbarco è previsto alla banchina Taliercio per le 6 di mercoledì 20 marzo, da lì i migranti saranno accompagnati al padiglione B del vicino complesso fieristico di Imm-Carrarafiere per il primo soccorso e le operazioni di riconoscimento. Dopo essere stati visitati e rifocillati tutti i migranti partiranno poi per le strutture di accoglienza sparse in tutta Italia.

Per il porto di Marina di Carrara sarà l’11esimo sbarco complessivo, il secondo del 2024, e il più importante in termini numerici. Per la Geo Barents si tratterà invece del terzo attracco nello scalo apuano dopo i due della scorsa estate: il 7 luglio con 196 migranti a bordo e il 19 luglio con 214. Da quando  è stato individuato come porto sicuro quello di Carrara ha già ospitato lo sbarco di 1.165 migranti a cui adesso se ne aggiungeranno altri 249 che porteranno il conto complessivo a oltre 1.400 a partire dal 30 gennaio 2023 quando arrivò la Ocean Viking di Sos Méditerranée con 95 persone a bordo. Fu quindi la volta, il 19 aprile e il 5 giugno,  della Life Support di Emergency rispettivamente con 55 e 29 migranti a bordo mentre, come detto, il 7  e il 19 luglio, la Geo Barents di Medici senza frontiere arrivò con 196  e 214 persone. Per due volte consecutive è stata poi la volta della Open Arms, il  22 agosto con 196 migranti a bordo e il 4 ottobre con 176, il 22 novembre, è tornata invece la Life Support con sole 21 persone, mentre il 28 dicembre è stata la volta della Sea Watch 5 che ne ha sbarcate 119. L’ultimo sbarco è avvenuto infine il 3 febbraio 2024 con la nave Humanity one che attraccò a Marina di Carrara con 64 migranti a bordo.

“In porto, in Comune e a Imm-CarraraFiere in tanti sono già al lavoro per organizzare al meglio tutte le operazioni – dice la sindaca di Carrara Serena Arrighi -. Ci tengo ancora una volta a ringraziare anzitutto la Prefettura, che coordina tutta questa complessa macchina, e poi tutte quelle donne e quegli uomini che nei prossimi giorni faranno del loro meglio  per fornire a queste persone che sbarcheranno a Carrara la migliore accoglienza possibile”.

 

Condividi questo articolo

Pubblicità