Due milioni rinunciano a curarsi per ragioni economiche

Due milioni di persone (il 3,2% dell’intera popolazione) non si curano per motivi di salute. È l’analisi che fa la fondazione Gimbe. I picchi sono al Meridione.
La percentuale della popolazione che per questa o per altre ragioni è costretta a fare questa scelta è del 7%, meno che durante la pandemia (ma lì i motivi erano diversi), più però del periodo che ha preceduto il Covid. Addirittura 4, 1 milioni di persone hanno rinunciato l’anno scorso a visite specialistiche pur avendone bisogno. Oltre al motivo economico, ci sono le lunghe attese e le difficoltà di accesso.
Un sesto delle famiglie italiane – rileva il Gimbe – dichiara di aver limitato le spese per la sanità

Condividi questo articolo

Pubblicità