Scoperti 52 chili di droga nascosti in un container

LIVORNO - I costanti controlli eseguiti in porto dai funzionari ADM e dai finanzieri hanno portato all’ennesimo sequestro di stupefacente:  52 panetti di cocaina per un peso complessivo pari a circa 60 chilogrammi.

Dopo un meticoloso lavoro all’interno di uno dei terminal dello scalo mercantile è stato individuato un contenitore proveniente dal Sud America, al cui interno erano stati occultati i panetti di cocaina.

Per cercare di ingannare le attività ispettive, i panetti di cocaina erano stati ben nascosti nella struttura di uno dei tanti contenitori che trasportano carichi alimentari (banane) destinati alla grande distribuzione, ma gli scanner in dotazione all’Agenzia delle Dogane e Monopoli e le unità cinofile della Guardia di Finanza hanno stroncato l’ennesimo tentativo di introdurre, nel territorio nazionale, un altro imponente carico di purissima polvere bianca.

L’importante risultato conferma la sinergia operativa tra l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e la Guardia di Finanza, maggiormente rafforzata dall’esecuzione del Protocollo d’intesa, stipulato lo scorso anno, relativo ai loro rapporti di collaborazione.

Lo stupefacente, dopo essere stato campionato e analizzato dal locale laboratorio chimico ADM, su disposizione della Procura della Repubblica, è stato distrutto presso l’inceneritore e così strappato alle piazze di spaccio, ove avrebbe fruttato alla criminalità organizzata oltre 20 milioni di euro.

Le attività investigative sono state coordinate dalla Procura della Repubblica di Livorno

 

 

 

Condividi questo articolo

Pubblicità