La Libertas vola in A2, il sogno si avvera

Livorno- Apoteosi di cori al Teatro 4 Mori per la promozione della Libertas in A2 dopo aver battuto il Roseto nella trasferta in terra d’Abruzzo per la finale di Gara 5. E’ andata diversamente il sogno di un altra Toscana, il Montecatini che in casa ha sfidato per lo stesso obiettivo l’Avellino, perdendo 67 a 75. La Libertas di Livorno è l’unica ad accedere ai piani alti ma andiamo per gradi nel raccontare questa serata che è stata “storica” per molti versi poiché ha riportato la città ai fasti di un tempo.

A Roseto sono 500 i supporters che sono andati a sostenere i propri beniamini mentre la concentrazione massima dei sostenitori della squadra livornese sono al Teatro 4 Mori riempito come un uovo.

Tensione al massimo fin dal fischio di inizio. Il Roseto ha il vantaggio di giocare in casa, in ogni angolo del suo palazzetto c’è tutto l’Abruzzo, fatta eccezione per una piccola fetta di posti dove i tifosi toscani non temono l’assedio degli opponenti.

Al primo quarto è il Roseto che chiude in vantaggio, 18 a 15 ma è poca cosa, non è detto che il finale sia proprio questo come di fatto è stato. La Libertas rimonta a fatica ma con costanza, alla fine del secondo quarto chiude con un leggerissimo vantaggio, 38 a 40 ma da questo momento il sogno è in crescendo.

I ragazzi di Andreazza mettono il turbo e nel corso del terzo quarto, pur con qualche sali e scendi sgretolano gli attacchi avversari e chiudono 53 a 61.

L’ultimo quarto, quei 10 minuti, è quanto separa i presenti a raggiungere quella ambita meta e il coro e gli applausi dei presenti mettono in silenzio anche lo speaker della partita.

Oramai è impossibile fermarli, il distacco cresce e nello scorrere degli ultimi secondi i presenti in sala non riescono più a cantare stando seduti, è una standing ovation al fischio finale, la vittoria per 74 a 81 e quella A enorme che campeggia sui loro occhi.

Ne parleremo nei nostri notiziari che possono essere seguiti anche su cellulare o smartphone con la APP di Live Tv nel nostro sito.

Condividi questo articolo

Pubblicità