Base dei Carabinieri, c’è il primo stanziamento di risorse

PISA - È di 20 milioni di euro la prima tranche di risorse che il Governo stanzia per la realizzazione della nuova base militare nel Parco di San Rossore. La decisione è contenuta nell’articolo 5 del DL infrastrutture approvato dal Consiglio dei Ministri di lunedì 24 giugno, in cui sono contenute le “Disposizioni urgenti per il completamento di interventi infrastrutturali per consentire la rapida e celere realizzazione di tre opere oggetto di commissariamento”.

In questo articolo si parla dunque di 3 interventi: tra questi è compresa anche “la nuova sede dei reparti di eccellenza dell’Arma dei Carabinieri, ossia la base militare del Gis dei Carabinieri paracadutisti del Tuscania e il Centro Cinofili

base

Il primo a scagliarsi contro questa decisione è il consigliere comunale pisano Ciccio Auletta, del gruppo diritti in comune, che parla di militarizzazione del territorio. Per il consigliere infatti le risorse impiegate per la realizzazione della base dovrebbero essere utilizzate in altri settori – a detta sua prioritari – come scuola, casa, lavoro, trasporto pubblico e transizione ecologica.

Sempre Auletta annuncia che ci saranno ulteriori mobilitazioni, ulteriori manifestazioni per bloccare il progetto, anche grazie alla collaborazione con il Movimento No Base, movimento nato spontaneamente e che da due anni a questa parte si sta battendo contro la realizzazione della struttura militare.

Un servizio dedicato nei nostri telegiornali, disponibili in diretta anche online.

Condividi questo articolo

Pubblicità