Stato di agitazione in Toremar e sciopero alla Piaggio

Livorno - L’assemblea dei lavoratori e delle lavoratrici Toremar ha proclamato lo stato di agitazione. Protesta sostenuta con forza dai sindacati confederali dei lavoratoti marittimi.

Elba: accordo fra Moby, Toremar ed Associazione albergatori

A rischio gran parte dei 260 posti di lavoro in seguito alla decisione di Toremar di non partecipare al nuovo bando di gara per la continuità territoriale dell’Arcipelago toscano. Ad accrescere la preoccupazione dei dipendenti la notizia sull’intenzione della società di mettere in vendita quattro navi. Richiesto dai lavoratori un incontro urgente per formalizzare l’aggiornamento del proprio piano industriale, sostenuti anche dalle organizzazioni sindacali pronti a prendere iniziative per tutelare occupazione e dignità.

Previsto invece alla Piaggio di Pontedera uno sciopero di  16 ore, per tutti i turni, per i giorni venerdì 28 giugno e lunedì primo luglio. Il motivo principale è il ritmo di lavoro, denunciato come "insostenibile". 2023 anno positivo ma solo per la dirigenza Piaggio dice il Coordinamento Usb Piaggio e l'Usb Nazionale Settore Industria, grazie anche ai 112 milioni dati dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy, che serviranno per aumentare la produzione dei motori elettrici , ma nessuna informazione è stata data sulle strategie da intraprendere  per tutelare i lavoratori e le lavoratrici. Molti dei quali a casa da mesi a causa due linee completamente ferme da mesi, con una costante perdita salariale. 

 

Condividi questo articolo

Pubblicità