Il Meyer mobilitato per i bambini di Kijv

Firenze- L’attacco dei missili russi all’ospedale pediatrico di Kyiv rappresenta l’ennesima violazione dei diritti umani e un vero e proprio crimine di guerra da parte della Federazione Russa, la Toscana è pronta a dare il proprio contributo. Le autorità ucraine in Italia hanno contattato il presidente Giani per sondare la disponibilità a fornire un aiuto per risolvere la difficile situazione sanitaria che si è venuta a creare in conseguenza dell’attacco e che coinvolge molti bambini, che necessitano di cure immediate, e le loro famiglie. La Toscana e la Regione di Kyiv sono legate da un accordo siglato il 5 marzo scorso dal presidente Eugenio Giani e da Ruslan Kravchenko, capo dell'Amministrazione della Regione della capitale ucraina.
Nell'immediato l’Azienda ospedaliera Meyer metterà a disposizione 10 posti nei reparti di oncologia, pediatria e chirurgia. Inoltre, attraverso strutture del Terzo settore, potranno trovare ospitalità anche accompagnatori e famigliari dei minori ospitati

Condividi questo articolo

Pubblicità