Aggressione e minacce razziste al presidente Unità migranti

PISA - Fa discutere un episodio di violenza e di razzismo raccontato e subito dal presidente dell'Unità migranti Ibrahima Dieng che è stato aggredito da un uomo che lo avrebbe insultato con una spranga in mano, pronunciando frasi irripetibili. Ad assistere alla scena era presente il figlio di Dieng.

"Sono profondamente turbata da questa notizia, è un fatto che oltraggia la coscienza civile della città, di fronte al quale le forze politiche e le istituzioni si devono pronunciare con nettezza - questo il commento dell'assessora regionale Alessandra Nardini - A Dieng voglio esprimere la mia solidarietà e quella della Regione. In Toscana non c'è spazio per il razzismo, è un veleno che combatteremo sempre, senza risparmiarci, ma non si possono sottovalutare episodi come questo, frutto anche di uno sdoganamento culturale e politico delle peggiori pulsioni. Pisa non è questo e deve rispondere forte e chiaro a questo oltraggio."

Condividi questo articolo

Pubblicità