Piano periferie – Il sindaco di Pisa Conti: “Stazione e sicurezza idraulica a S. Giusto-S. Marco una priorità”

L'Onorevole Edoardo Ziello ricostruisce che cosa è successo: dopo che la Corte Costituzionale con la sentenza n.74 del 2018 ha valutato che il bando di Renzi e Gentiloni era scritto male, le risorse per il Piano periferie si sono dimezzate e ora sono di un miliardo e mezzo.

Conferenza stampa dell'Onorevole Edoardo Ziello e del Sindaco di Pisa Michele Conti

La scelta è stata quella di premiare i Comuni che avevano presentato i progetti migliori, ovvero i primi 24 in classifica. Per gli altri Comuni si parla di una sospensione fino al 2020 per trovare i fondi necessari.

L'emendamento è passato in Senato e deve essere votato alla Camera per poi ritornare in Senato, con la speranza che possa essere migliorato.

Pisa, nel Piano Periferie, si è piazzata al 110° posto su 120, con 30 punti su 95. "Il Comune di Pisa - spiega Conti - aveva presentato uno studio di fattibilità tecnico-economica, e aveva anche chiesto una proroga, e non un progetto esecutivo come tanti altri Comuni. Basti pensare che Grosseto è al nono posto e ad Arezzo hanno già iniziato i lavori. Abbiamo tempo fino all'8 settembre per presentare il progetto esecutivo e ad agosto saremo tutti al lavoro. Il 28 agosto si riunirà la Giunta per mettere in sicurezza la questione. Per noi la stazione e la sicurezza idraulica di San Giusto-San Marco sono una priorità, mentre il parco di via Nino Bixio può attendere. Poi ci sono le questioni da risolvere con le Ferrovie dello Stato collegate anche al cavalcavia di Sant'Ermete".

Per aiutare i Comuni si parla di un emendamento per sbloccare l'avanzo di bilancio.

Per portare a termine i lavori previsti in zona stazione e per impedire gli allagamenti nei quartieri di San Giusto e di San Marco, il Comune di Pisa potrà usare l'avanzo di cassa ma decurtato di 5 milioni di euro.

"Il Comune - dichiara il sindaco Conti - deve pagare 5 milioni alla società che ha realizzato il parcheggio di piazza Vittorio Emanuele. Stiamo verificando, ma dovremmo avere a disposizione per il progetto circa 10 milioni di euro". Secondo l'Onorevole Ziello già ad aprile scorso si sapeva che i soldi per questi progetti, del Piano Periferie, non sarebbero arrivati. "Eppure a Pisa sono stati venduti come sicuri in campagna elettorale - afferma Ziello - Per quanto riguarda le polemiche di questi giorni, il Pd locale non sa che anche il Pd ha votato a favore dell'emendamento. Ed era l'unico escamotage per uscirne fuori puliti". E il Sindaco Conti dichiara: "Per quanto riguarda le polemiche io non ci sto che il Pd voglia scaricare la colpa alla Lega e a me. L'emendamento è stato votato anche dal Pd".Nel tg delle 20:30 di Telegranducato, il servizio.

Condividi questo articolo su

Pubblicità