Polizia Municipale Pisa pronta allo sciopero

PISA – Polizia Municipale in assise per evidenziare quanto viene raccontato e le problematiche presenti dietro le quinte.

Proprio in relazione a quanto si conosce e quel che da tempo si attende, l’intero organico della Polizia Municipale ha indetto una assemblea che si è tenuta alla Sesta Porta.

l termine della riunione, raggiunta l’unanimità del voto ecco cosa ha evidenziato e che noi riportiamo nell’ articolo

“L'assemblea della Polizia Municipale riunitai in data 6 dicembre c.a. presso la Sesta Porta chiede all'Amministrazione Comunale l'attivazione di un tavolo di confronto sulle questioni dirimenti ossia:

  1. l'adozione di un regolamento della Polizia Municipale più volte annunciato nel corso degli anni ma non ancora realizzato;
  2. con le nuove assunzioni gli spogliatoi della Sesta Porta saranno insufficienti.

Vogliamo ribadire la inidoneità della attuale caserma e come già detto in altre occasioni reperire una soluzione alternativa nel piano degli spostamento di uffici previsto ad anno nuovo;

  1. verifica del piano occupazionale alla luce anche dei pensionamenti previsti e di quelli che si aggiungeranno con la nuova legge sulle pensioni;
  2. la necessità di un dirigente che possa lavorare stabilmente senza il peso della “provvisorietà” della eventuale riconferma dopo 12 mesi che non permette la possiiblità di lavorare su prospettive anche a medio termine.
  3. la necessità di rivedere le dotazioni organiche di alcuni settori partendo dal presupposto che ogni ufficio ha pari dignità e come tale vanno prese in esame tutte le criticità;
  4. una diversa ripartizione, da valutare nel contratto decentrato 2019, dei proventi dell'art 208 del codice della strada al fine di favorire un utilizzo delle risorse rispondente alle richieste del personale;
  5. attivazione di una polizza assicurativa di tutela legale, responsabilità civile e infortunistica da finanziare con le risorse derivanti dall’art. 208 del Codice della Strada incrementandole;
  6. attivazione di un tavolo per la revisione dell’attuale accordo sui servizi minimi essenziali.

L’assemblea in assenza di risposte positive entro la fine dell’anno 2018 dà mandato alla RSU ed alle OO.SS  di proclamare lo stato di agitazione.

Ne parliamo nei nostri servizi delle 20:30 a seguire e in diretta su Live Tv

Posto ai voti il presente ordine del giorno viene approvato all’unanimità dei presenti.

In pratica e riassumendo, il Corpo di Polizia Municipale ha bisogno di una celere riforma regolamentaria oramai obsoleta, una attenzione agli immobili assegnati che sono insuffcienti e distribuiti in modo poco logistico.

Un criterio di assunzioni che non deve essere visto come somma ma come numero sostitutivo di chi si appresta ad andare in pensione a breve per cui assume concretezza la differenza tra le due voci.

Condividi questo articolo

Pubblicità