Camp Darby, protesta per “uso” illegale

S.PIERO A GRADO - Avvio d'anno nuovo con ennesima protesta davanti all'ingresso principale della base USA di Camp Darby, per uso illegale della stessa.

Una serie ci coincidenze e di date simbolo convergono nei confronti di questa iniziativa. davanti alla base.

Presidio promosso dalla Rete Civica Livornese contro la normalità della guerra insieme alla Associazione Nazionale Italia-Cuba.

Camp Darby presidio protesta

Insieme a loro sigle politiche e altri coordinamenti collegati con lo spirito della protesta.

Primo spunto le bandiere cubane che davanti a Camp Darby ricordano la ben nota base di Guantanamo presente sull'isola di Cuba.

Prima richiesta della protesta è la restituzione della base al governo cubano.

Altro tema è quello dei lavori di ampliamento logistico della base stessa.

Camp Darby indicato come  collegamento logistico militare con i quadranti di guerra presenti nel settore orientale del Mediterraneo.

Presidio protesta Camp Darby 2

In special modo l'area della Penisola Arabica, nello Yemen, anche se non mancano altre aree rifornite.

Proprio questo potenziamento è motivo di illegittimità da parte del governo USA.

Le basi, come quella di Tombolo, sono state costruite sul territorio dei paesi aderenti alla NATO in relazione alle esigenze della NATO stessa.

L'articolo tre di questo patto stabilisce che non è permesso l'uso proprio delle basi per scopi ed obiettivi che non coinvolgono la NATO o non richieste dalla stessa.

Ecco il motivo dell'uso illegittimo di questa base che agisce per scopi personali della sola politica assunta dal solo governo USA

Nei servizi del tg alle 14:30, 20:30 e a seguire come anche in diretta su Live TV i dettagli della iniziativa.

Si tratta comunque di un primo passo verso una serie di altre iniziative che andranno incontro ad una manifestazione internazionale prevista per il 5 aprile prossimo.

In quella occasione ricorrerà l'anniversario della nascita della NATO.

In tutto il mondo dove sono presenti queste  basi sarà organizzato un sit in che inviti al loro smantellamento.

Condividi questo articolo

Pubblicità