A Firenze il vertice sul porto di Livorno

FIRENZE - Il futuro del porto di Livorno è stato al centro di un vertice istituzionale convocato dal presidente della Regione Enrico Rossi per fare chiarezza sulla situazione attuale e per scongiurare una situazione di stallo e incertezza che rischia di penalizzare la città, l'infrastruttura e l'intera economia regionale. All'incontro hanno partecipato tutti i soggetti pubblici che a vario titolo hanno responsabilità nello sviluppo del porto: i sindaci Filippo Nogarin e Lorenzo Bacci, il presidente dell’autority Stefano Corsini ed il segretario generale Massimo Provinciali, la Capitaneria di porto di Livorno con il Comandante Giuseppe Tarzia , la Provincia di Livorno con il Consigliere Jari De Filicaia e la Camera di Commercio con il presidente Riccardo Breda ed il segretario generale Pierluigi Giuntoli.

“E' stato un positivo momento di chiarimento - ha detto Rossi - utile per il porto e la città. Sono emersi elementi importanti e usciamo avendo preso atto che tre importanti procedure sono in corso e che per la Darsena Europa c'è una proposta concreta per la realizzazione delle opere private".

 

vertice a firenze sul porto

l'incontro a Firenze sul porto di Livorno

Ecco, in sintesi, le principali questioni chiarite nel vertice:

sulla Banchina 14, l'Autorità portuale ha riferito di un parere del Ministero che chiarisce la legittimità dell'uso della banchina per traffico misto merci/passeggeri. Questo parere sgombra il campo da dubbi sulla legittimità dell'uso della banchina per le cosiddette navi Ro-Pax, mentre sancisce che non può essere utilizzata per navi da crociera o traghetti con soli passeggeri. Sulla base di questo pronunciamento, è stata avviata una procedura condivisa per risolvere la questione dell'uso della Banchina 14;

sull'affidamento della gara per la selezione di un socio di maggioranza nella società Porto di Livorno 2000 srl, l'Autorità ha assicurato che procederà in tempi rapidi all'assegnazione definitiva nel rispetto delle procedure di legge;

infine sulla Darsena Europa è stata confermata l'esistenza di una proposta per la realizzazione delle opere private da parte di un raggruppamento di imprese, che però non ha ancora completato la documentazione necessaria per l'effettiva valutazione dell'offerta. Nel frattempo stanno proseguendo anche le procedure di consegna per la progettazione e sondaggi relativi alla realizzazione delle opere pubbliche connesse alla Darsena Europa.

Intanto in queste ore si è svolta anche la riunione del comitato di gestione nella quale è stato adottato Il Piano Organico Porti, il Piano triennale per la trasparenza e la lotta alla corruzione, e si sono registrati passi in avanti sulla delocalizzazione del depuratore cittadino in area portuale.

Condividi questo articolo

Pubblicità