Addio ad Alberto Bucci, l’allenatore del ‘quasi’ scudetto della Livorno del basket

Alberto Bucci, l’allenatore del ‘quasi’ scudetto della Libertas Livorno (anno 1989) è morto dopo una lunga malattia, con la quale ha combattuto per dieci anni. Aveva 71 anni.

In tv, nei telegiornali di domenica 10 marzo, c'è il commosso ricordo di Alessandro Fantozzi, il capitano di quella squadra: "un allenatore carismatico, un uomo eccezionale. Una grave perdita per tutto lo sport". Telegranducato riproporrà tutta la finale scudetto giovedì 14 marzo alle 21.30 (in tv sul canale 14 e anche in streaming live qui).

alberto-bucci

L’annuncio della morte di Bucci lo ha dato la Virtus Bologna sul proprio sito: "Ciao Alberto, grazie di tutto". Proprio della Virtus, a cui aveva portato tre scudetti, nel 1984, 95 e 96, era diventato presidente da un paio d’anni. Aveva vinto coppe anche a Verona e Pesaro, aveva portato in A1 Fabriano e la stessa Livorno.

Memorabile e contestatissima poi la finale del campionato 1988-89, con il canestro ‘fantasma’ di Andrea Forti. Non venne ritenuto valido, e Livorno perse l’unico scudetto che avrebbe potuto conquistare. Un episodio incredibile, che rivivremo nella nostra programmazione giovedì sera, proprio in memoria di Bucci. Nel 2017 aveva pubblicato un libro sul wave coaching "per permettere a tutti coloro che vorranno diventare persone migliori o allenatori vincenti di un team di qualsiasi natura di essere più efficaci e performanti".

Sui campi di A oggi è previstoun minuto di silenzio e il presidente della Federbasket Petrucci ne ricorda "la contagiosa passione". Alberto Bucci lascia la moglie Rossella e tre figlie.

canestro_forti_bucci

il canestro di Andrea Forti annullato allo scadere nella finale scudetto del 1989 (dalle iimmagini  di Telegranducato). La partita sarà replicata in tv giovedì 14/3  alle 21.30 in omaggio a Bucci

 

 

Condividi questo articolo

Pubblicità