1° maggio: Europa centrata sul lavoro e diritti

FIRENZE - 1° maggio: Europa nel segno di un'Europa centrata sul lavoro, diritti e stato sociale. 

Cerza: "L'Europa che vogliamo non è quella della finanza e della speculazione ma quella del lavoro, della solidarietà e della crescita affinché nessuna persona sia lasciata indietro".

Al centro del nostro 1° Maggio quest’anno mettiamo l’Europa; non quella della finanza e della speculazione, ma piuttosto l’Europa del lavoro, della solidarietà e della crescita; con un punto fermo: che nessuna persona deve essere lasciata indietro.

Così presenta la festa dei lavoratori 2019 il segretario generale della Cisl Toscana, Riccardo Cerza che, assieme agli altri componenti della Segreteria toscana della Cisl, sarà domani a Bologna, dove è in programma la manifestazione nazionale di Cgil, Cisl e Uil (lo scorso anno svoltasi a Prato).

Ancora una volta in modo unitario, porteremo in piazza a Bologna accanto al tema dell’Europa, la difesa dei diritti e dello stato sociale e le rivendicazioni nei confronti del Governo che sono state presentate con la grande manifestazione del 9 Febbraio a Roma.

La Cisl non dimentica in questo primo maggio il valore sociale e la dignità del lavoro, che devono valere per ogni donna e ogni uomo: per questo col nostro impegno vogliamo tutelare chi lavora, ma anche difendere e aiutare chi è fuori e il lavoro e i diritti non li ha.

Vogliamo mettere l’accento sulla centralità del lavoro, di ogni lavoro, in tutte le sue forme, con un occhio di riguardo ai giovani che ancora troppo numerosi, più del 40%, ne vengono esclusi. Senza affidarsi a illusorie scorciatoie, come il reddito di cittadinanza, ma piuttosto cercando di creare le condizioni per far crescere il lavoro nei nostri territori, per migliorare la vita delle persone, rendendole protagoniste attive dello sviluppo e della società.

PIOMBINO - Festa dei lavoratori 2019: 1-2 maggio a Piombino (Rivellino) esposizione di scritti e foto sulle leggi razziali e dibattito su decreto sicurezza ed immigrazione.

Lo Spi-Cgil di Piombino, con il patrocinio dell'assessorato alla cultura del Comune di Piombino, in occasione della Festa dei Lavoratori 2019 organizza presso il Rivellino l'evento "Memoria: tra passato e presente", due giorni di riflessioni e dibattiti su alcuni temi importanti ed attuali.

Di seguito il programma:

  • 1 maggio dalle 10 alle 18: esposizione di scritti e foto sulle leggi razziali del 1938.
  • 2 maggio dalle 10 alle 18: esposizione di scritti e foto sulle leggi razziali del 1938. Alle 15 inoltre si terrà un dibattito su leggi razziali, decreto sicurezza ed immigrazione. Partecipano: Ivana Galli (segretaria nazionale Cgil), Fabrizio Zannotti (segretario generale Cgil provincia di Livorno), Catia Sonetti (direttrice Istoreco), Gino Niccolai (presidente provinciale Anpi), Luca Filippi (segretario generale Silp-Cgil provincia di Livorno), Paola Pellegrini (assessore alla cultura del Comune di Piombino). Al dibattito partecipano alcuni studenti delle scuole superiori di Piombino impegnati nel "percorso Memoria".

Ulteriori aggiornamento nel corso dei nostri notiziari (14.30 e 20.30) visibili anche sulla Web TV.

Condividi questo articolo

Pubblicità