Economia circolare, seminario a Livorno

LIVORNO - E’ l’economia circolare il tema in un incontro a Livorno da martedì 10 a giovedì 12 settembre: la Camera di commercio della Maremma e del Tirreno ha organizzato infatti un seminario, riunendo i partner internazionali del progetto PASSAGE, finanziato dal programma Interreg Europe. Gli ospiti a cui è rivolto il seminario provengono da Francia, Regno Unito, Grecia, Albania, Finlandia, Estonia e Danimarca. Li riunirà la lingua inglese, mentre si confronteranno sulle attività realizzate nelle aree marittime coinvolte nel progetto per favorire la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio.

Ed è stato tutto il territorio ad essere coinvolto, con un lavoro condotto in sinergia con i soggetti istituzionali più significativi. Il porto, quindi, ma anche il turismo e l’agroalimentare, per definire modelli di sviluppo realizzabili e al contempo rispettosi dell’ambiente.

Interverranno a questa tre giorni di lavoro aperta ufficialmente dal Presidente Cciaa Riccardo Breda istituzioni del territorio impegnate nella definizione ed implementazione delle strategie di sviluppo in chiave di sostenibilità ambientale.

In particolare, nel programma dei lavori si segnalano tre visite: al porto di Livorno, uno dei più importanti nel Mediterraneo; alla “fabbrica del futuro” di Scapigliato, a Rosignano Marittimo, che da pochi mesi produce energia dai rifiuti; e la visita alla Cantina Petra di Suvereto, esempio di ecosistema nel settore agroalimentare e già inserita nel percorso Cantine d’autore.

Alcuni importanti contributi da segnalare in questa tre giorni: martedì 10 l’intervento di Filippo Corsini e Natalia Marzia Gusmerotti della Scuola superiore S.Anna; mercoledì 11 quello di Barbara Bonciani, assessora con deleghe al porto, all’innovazione e alla cooperazione internazionale, sull’integrazione tra Città e Porto per la riduzione dei gas serra; giovedì 12 la Conferenza di presentazione del 1° rapporto sulla Carbon Footprint del sistema portuale dell’Alto Tirreno, a cura dell’Autorità di sistema portuale del Mar Tirreno settentrionale.

Il seminario organizzato a Livorno è l’ultimo appuntamento prima della conferenza finale che si terrà a novembre nel Dipartimento di Pas de Calais (Francia).

LA SCHEDA

Il progetto PASSAGE – Public Authorities Supporting low-cArbon Growth in European maritime border regions – di cui la Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno è partner, è stato presentato e finanziato nell’ambito dell’asse 3 LOW CARBON ECONOMY del programma INTERREG Europe 2014-2020. Il progetto è finalizzato a supportare lo sviluppo di un’economia a basse emissioni di carbonio nei sistemi territoriali europei che si sviluppano lungo le frontiere marittime nell’ambito degli Stretti e dei Canali d’Europa.

I partner – Sono 11 e saranno tutti presenti alla tre giorni livornese: Consiglio del Dipartimento di Pas-de-Calais (Francia); Consiglio del Dipartimento del Kent (Regno Unito); Camera di Commercio dell’Alta Corsica (Francia); Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno; Provincia of Lecce; Innopolis – Centro per Innovazione e Cultura (Grecia); Regione delle Isole Ioniche (Grecia); Consiglio Regionale Vlora (Albania); Consiglio Regionale di Helsinki-Uusimaa (Finlandia); Governo della Circoscrizione di Harju (Estonia); Fernem Belt Development (Danimarca).

Le attività ed i risultati - Dal 2016 la Camera ha condiviso con i partner del progetto le iniziative promosse dal territorio nel settore dei trasporti marittimi, in materia di imprenditorialità e innovazione sociale e nell’ambito delle strategie di sviluppo sostenibile e responsabile. Questo lavoro ha permesso alla Camera di Commercio, insieme alla consorella di Bastia, di definire un piano di azione transfrontaliero che potesse contribuire allo sviluppo di una società a basse emissioni di carbonio nelle aree marittime e costiere. Le due Camere hanno deciso di focalizzarsi sull’economia circolare, tematica di estrema attualità a livello europeo.

Chi sono i soggetti coinvolti dalla Camera di commercio nel piano di azione – La Cciaa sta lavorando in sinergia con l’Istituto di Management della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, il Centro Interuniversitario di Ricerche Economiche e Mobilità dell’Università di Cagliari, l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale, il Comune di Rosignano Marittimo (in rappresentanza del partenariato che ha sottoscritto il protocollo per la creazione del Centro di Competenza sull’Economia Circolare), il Comune di Livorno, l’Autorità di gestione del Programma di cooperazione Italia-Francia Marittimo 2014-2020.

Condividi questo articolo

Pubblicità