Vetrata sfondata a negozio, vandalismo o tentato furto?

LIVORNO- Una vetrata sfondata ed un altra incrinata in modo irrimediabile, questo quanto trovato da Piero Disegni alla apertura della propria attività in Via Buontalenti.

Vetrata caduta in frantumi e che precede una cancellata in ferro battuto che è posta come ingresso della propria attività

Una attività longeva, presente da 95 anni e passata di generazione in generazione.

vetrata sfondata, vandalismo o furto?

Potrebbe essere una notizia di scarso rilievo e da additare ad un tentato furto non portato a compimento, ma permane il dubbio che sia stata scelta quella attività che si occupa di biancheria per la casa.

Per avere un ritorno economico occorrerebbe allora un furgone, un mezzo comunque per caricare quanto più possibile altrimenti che guadagno si può trarre dal portar via un copriletto?

Inoltre il negozio ha davanti a se un fontanello pubblico al quale ci accede la comunità dei dintorni fino a tarda ora, troppo rischioso quindi.

Viene allora avanzata l’idea che la vetrata sfondata possa essere un atto di tipo vandalico, niente di più.

E’vero anche che oltre al vetro in frantumi e una vetrina profondamente incrinata ci sono tracce di scassinamento dei lucchetti che tengono ferma la cancellata di accesso.

vetrata negozio biancheria

Una iniziativa che non rientrerebbe nel semplice agire come vandali.

La zona è da tempo vittima di gesti del genere e questo episodio potrebbe inserirsi in questa corrente di pensiero.

C’è un’altra formulazione di ipotesi ma si sale di livello, cioè che sia un atto di antisemitismo perché la famiglia titolare dell’esercizio commerciale è di religione ebraica.

Piero Disegni

In questo periodo si ricorda a livello europeo il giorno della memoria e qualche mese fa furono trovate svastiche e altri simboli di estrema destra sulle saracinesche di una attività nella piazza antistante il Mercato Centrale.

Pensare ad un atto che abbia questo sfondo politico?

Anche il titolare, Piero Disegni ne dubita, avrebbero lasciato una “firma”, qualcosa del genere.

Al di là di ciò l’atto deve essere stato commesso tra le 22.30, ora del passaggio di una dipendente della attività e le 02.30 ora del messaggio affisso da una volante della Questura giunta sul posto in merito all’episodio della vetrata sfondata, notata dalla pattuglia.

Ne parliamo nei nostro servizi tg visibili in contemporanea su mobile con la diretta di live tv.

Condividi questo articolo

Pubblicità