L’Ateneo lavora ad Eurovox, la piattaforma digitale con le informazioni in tutte le lingue

PISA - L'Ateneo lavora ad Eurovox, la piattaforma digitale con le informazioni in tutte le lingue. Stamani la firma che la coinvolge in un progetto importante.

Costruire uno spazio digitale pubblico dove i cittadini europei possano attingere a informazioni fruibili nelle varie lingue e culture, così da consentire una maggiore integrazione e inclusione tra i vari popoli. E’ questo l’obiettivo che EBU (European Broadcasting Union), la più importante ed estesa alleanza di operatori pubblici televisivi nel mondo, vuole raggiungere nel prossimo futuro riconquistando una leadership digitale che sta perdendo a favore di colossi del web. L’Ebu conta 703 membri attivi in 56 paesi in Europa, Nord Africa e Medio Oriente, che operano in 96 lingue e con una audience di più di un miliardo di persone.

 

L'Ateneo lavora ad Eurovox. Nasce in questa prospettiva la convenzione firmata con l’Università di Pisa che, attraverso il lavoro dei ricercatori, avrà il compito di contribuire allo sviluppo della piattaforma Eurovox che  consentirà di fruire in tutte le lingue i contenuti prodotti da televisioni e media pubblici europei. Agli italiani, in pratica, sarà possibile per esempio seguire telegiornali tedeschi, francesi, turchi, direttamente in italiano.

L'Ateneo lavora ad Eurovox

L'Ateneo lavora ad Eurovox

L'Ateneo lavora ad Eurovox. L’accordo è stato presentato in rettorato alla presenza del rettore dell’Università di Pisa, Paolo Mancarella,, del prorettore all’Informatica, Paolo Ferragina, del direttore tecnico di EBU, Antonio Arcidiacono,  e del direttore tecnico di Rai, Stefano Ciccotti. La convenzione durerà tre anni e prevede nella fase iniziaile tre assegni di ricerca per giovani studiosi dell’Università di Pisa che lavoreranno a stretto contatto con il personale di Ebu sperimentando un nuovo modello di sviluppo integrato che preveda regolari periodi di stage presso la loro sede di Ginevra.

L'Ateneo lavora ad Eurovox. Con questa operazione EBU vuole rendere il servizio pubblico un centro di apprendimento e condivisione di notizie, documentari e informazioni ce siano autorevoli, obiettivi, di qualità e fruibili dai cittadini dei paesi membri.

Sull'iniziativa abbiamo realizzato un servizio inserito nel nostro Tg e visibile sulla nostra Live TV.

Condividi questo articolo

Pubblicità