Bombardamento del 28 giugno ’43, Livorno ricorda

LIVORNO- bombardamento del 28 giugno 1943 sulla città, muoiono centinaia di persone, in Via Galilei, Via Mastacchi, via delle Sorgenti, la città commemora l’evento.

Non fu e non sarebbe stato l’unico o ultimo bombardamento che l’importante città portuale dovette subire da parte degli alleati nel corso della seconda guerra mondiale.

Nel corso di 11 mesi, Livorno subì un bombardamento continuo e ripetuto che la rase al suolo e dal quale emerse l’ennesima bugia del regime.

I rifugi antiaerei non si dimostrarono alla altezza del compito per il quale erano stati individuati e indicati alla cittadinanza come luogo di riparo al suonare dell’allarme.

Si trattava di un “abile” mascheramento delle cantine dei palazzi le quali avrebbero solo garantito due cose, evitare di essere colti da schegge, spezzoni o materie o divenire una tomba comune nel caso che una delle migliaia di bombe che venivano rilasciate dai bombardieri cadesse proprio sull’edificio che ospitava il sicuro rifugio.

Solo in quello di Via Galilei ne morirono 86 in un solo scoppio.

Quando le autorità si resero conto della inutilità di quei luoghi, emanarono allora l’ordinanza di evacuazione, ma anche questa si dimostrò un altra menzogna.

Evacuare significa coordinarne l’uscita, indirizzare verso dove andare, disciplinare il flusso, niente di tutto questo.

Ognuno si mosse in modo autonomo e andò dove poteva andare, un si salvi chi può che viene tradotto con la più corretta parola “sfollare”.

Non poteva essere altrimenti perché quelle stesse autorità che lo avevano indicato, se ne erano andate prima dei cittadini stessi.

Alla presenza del Vicesindaco di Livorno, Libera Camici, accompagnata dalle associazioni ANPI, ANPPIA, ANEI, IT e ANED, sono stati deposti dei mazzetti di fiori con i colori della bandiera italiana in una breve cerimonia che si è tenuta nei tre punti che vi abbiamo indicato.

Ne parliamo nei nostri notiziari che possono essere seguiti in contemporanea su cellulare e smartphone con la diretta di live tv.

Condividi questo articolo

Pubblicità