La festa del presidente Giani: ‘mai più due o tre velocità’

La musica, le luci, la comicità di Paolo Hendel e l'interpretazione di Imagine da parte di Dolcenera: la festa del presidente Giani è anche questo. La cornice stavolta è quella delle grandi occasioni, il palasport di Firenze. Il palco è stretto ed è soprattutto per lui, Giani, che entra all'interno in una atmosfera un po' holliwoodiana a fianco di Nicola Zingaretti.

Zingaretti: basta con i picconi

Ed è proprio il segretario del Partito Democratico l'osservato speciale. Dice che il governo dovrà dare il colpo d'ala, che il suo partito non è subalterno a nessuno (ovvero ai 5 Stelle), che è finita l'ora dei picconi e bisogna pensare a ricostruire. Zingaretti abbraccia tutti: la 'pupilla' pisana Alessandra Nardini, gli altri consiglieri regionali della sua area, il presidente uscente Enrico Rossi. Abbraccia anche Matteo Renzi, nonostante tutto. In fondo Italia Viva è l'unica delle sei liste che sostenvano Giani ad aver conquistato seggi in Consiglio regionale (due per l'esattezza).

Un posto per la sinistra nella nuova giunta

La festa del presidente Giani non è l'occasione giusta per parlare della nuova giunta che lo accompagnerà nel suo mandato. Non sarà una scelta facile, ci vorrà del tempo. Di certo annuncia che ne farà paret un componente si Sinistra Civica Ecologista, esclusa dai posti in Consiglio per poche decine di voti. E ne farà parte anche Monia Monni, che lui stesso ha votato nell'urna.

Il toto-assessori è appena cominciato. La prima pedina sarà quella della vice presidente e girano i nomi della stessa Nardini e addirittura di Maria Chiara Carrozza, che ha già fatto il ministro dell'istruzione.

Di sicuro obiettivo di Giani resta quello di far crescere la Toscana in maniera più uniforme possibile. Il primo segnale l'ha dato martedì, andando prima a Montenero, poi a San Miniato e infine a Colle Val d'Elsa.

Standing ovation per Rossi

Enrico Rossi sale sul palco insieme al sindaco di Firenze Dario Nardella. E riceve la più grande ovazione quando Giani lo ringrazia pubblicamente per come ha saputo gestire la pandemia. Il pubblico del Mandela Forum si alza in piedi e prolunga l'applauso. Rossi per la prima volta si commuove e trattiene a stento le lacrime.

quadro di famiglia alla festa del presidente

Giani con la moglie e i due figli sul palco del Mandela Forum

Quadro di famiglia nella festa del presidente

Alla fine Giani chiama tutta la sua famiglia: la moglie Angela, i due figli. Chiama anche lo staff, i volontari, chi ha dato una mano per la sua campagna elettorale. In platea ci sono anche tanti sindaci. E Giani, a Telegrandcuato, assicura: "non dimenticherò nessuna parte della Toscana, sarò il presidente di tutta la regione". un ampio servizio in tutti i nostri telegiornali del 24 settembre, anche in diretta streaming.

 

Condividi questo articolo

Pubblicità