Come sarà il nostro Natale. Conte spiega il decreto in tv

All'ora del telegiornale ha preso forma il nuovo decreto del presidente Conte e finalmente abbiamo capito come sarà il nostro Natale. Sarà blindato, certo, e ancora con il coprifuoco, senza concessioni a chi si lamentava per le eccessive restrizioni. A questo link tutte le informazioni del governo. Nei nostri telegiornali della notte (anche in streaming qui) un'ampia sintesi

Da un lato insomma ha prevalso l'ultimo drammatico bollettino delle vittime (quasi mille in un giorno), sulla possibilità di consetire i ricongiungimenti durante le prossime festività tra persone che vivono distanti.

Resta in vigore il sistema dei 'colori'

Ogni regione continuerà ad essere classificata secondo l'andamento dell'epidemia. Restano quindi le fasce gialla, arancione e rossa. "ma nel giro di un paio di settimane è probabile che tutte le regioni saranno in zona gialla', dice il premier.

Durante il periodo dal 21 dicembre al 6 gennaio però le maglie delle regole si stringeranno perchè, spiega il premier "non possiamo rischiare una terza ondata".

Le parole di Conte: il nostro Natale con il coprifuoco

Così in queti 15 giorni saranno vietati tutti gli spostamenti da una regione all'altra. E ancora più rigide saranno le regole per i giorni di Natale, Santo Stefano e Capodanno. Non potremo uscire da un comune all'altro, se non per casi di effettiva necessità. Resta sempre in vigore il coprifuoc, che al mattino del 1° gennaio sarà anche ampliato fino alle 7 del mattino.

Bar e ristoranti potranno restare aperti ma solo fino alle 18. Sarà possibile però pranzare fuori anche in quelle giornate. E questa è l'unica concessione alle pressioni di operatori e dei presidenti di Regione.

Dal 7 gennaio (quasi) tutti a scuola

Le scuole, anche le superiori, riapriranno giovedì 7 gennaio, dopo l'Epifania. Ma nion per tutti. Il 25% degli studenti delle superiori, con modi da definire e a rotazione, sarà ancora a casa a seguire le lezioni via internet.

Quello stesso giorno dovrebbero riaprire anche gli impianti sciistici.

 

 

 

 

Condividi questo articolo

Pubblicità