Sequestro di mascherine che diviene un regalo utile

Livorno- Dal sequestro al regalo legale, questo il destino di 13 mila mascherine donate all’ospedale cittadino dalla Guardia di Finanza frutto di un precedente sequestro riassunto dal comandante provinciale delle fiamme gialle Gaetano Cutarelli

Il quantitativo, piuttosto significativo era già stato a suo tempo sequestrato dal locale Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria delle Fiamme Gialle, poi il pensiero di unire il risultato a qualcosa di più utile al contesto di necessità che si sta vivendo.

Così la Guardia di Finanza, ha chiesto fosse tolto il sequestro alla competente Procura della Repubblica di Lucca.

Le mascherine, commercializzate in modo non corretto come “FFP2”, erano state intercettate in quanto, seppur destinate a un utilizzo presso i presidi ospedalieri, non erano corredate della prevista certificazione “CE”.

Tuttavia, dopo la consulenza tecnica del Responsabile dell’Unità di Prevenzione e Protezione dai Rischi dell’Azienda Usl Nord Ovest in ordine a un eventuale uso come “mascherine di comunità”, ne è stato reputato plausibile l’impiego in contesti a “basso rischio contagio”, stante la recrudescenza dell’andamento epidemiologico di casi covid, così ecco nascere il personale contributo al personale ospedaliero con i ringraziamenti del Direttore dell’Ospedale Luca Carneglia.

L’A.G. procedente quindi, accogliendo le richieste del dipendente Nucleo PEF, ha disposto il dissequestro delle mascherine al fine di una loro utilizzazione - sulla scorta del parere espresso dall’organo tecnico - senza rischio per la salute e in alcune attività ospedaliere, ossia uffici a indirizzo soprattutto amministrativo e strutture di staff della Direzione, vista la loro capacità filtrante almeno pari alle suddette “maschere di comunità”.

Un pensiero gradito dal momento che non c'erano vincoli o obblighi comunque. Una decisione che ha saputo restituire una utilità importante a materiale che sarebbe rimasto inutilizzabile e destinato alla macerazione.

Ne parliamo nei nostri notiziari che possono essere seguiti in contemporanea su cellulare e smartphone con la diretta di Live Tv.

Condividi questo articolo

Pubblicità