In tv il meeting della Fondazione Maffi alla palestra Di Ciolo

Il tema del quarto meeting della Fondazione Maffi era tratto da una frase del maestro di scherma Antonio Di Ciolo: “Non perdo nemmeno se mi battono”. E su questo la riflessione ha coinvolto i numerosi ospiti dell’iniziativa, che si è svolta proprio nella palestra di Di Ciolo a Pisa. L’abbiamo trasmessa in diretta tv e streaming su Telegranducato (e l’abbiamo rilanciata via web e social), la replichiamo integralmente mercoledì 13 ottobre alle 21.30.

I testimoni del meeting insieme a Di Ciolo

C’eranomolti  campioni dello sport: Gabriele Cimini (scherma), Francesca Mammini (giovane campionessa della pallavolo), l’indimenticabile Franco Bitossi (medaglia d’argento e di bronzo ai mondiali di ciclismo). La sua sconfitta del 1972 a Gap, in Francia, fu una sconfitta sportiva grande. Ma seppe rialzarsi e la sua testimonianza è stata molto applaudita.

Lo stesso Enrico Di Ciolo, figlio di Antonio, ha parlato a lungo con don Antonio Cecconi e insieme hanno commentato alcune frasi significative del libro.

Quale scenario dopo il Covid?

Lo scenario di questa fase dopo il Covid è stato definito dal sociologo Andrea Salvini e anche le autorità presenti (l’assessore regionale Spinelli, il presidente del Consiglio regionale Mazzeo, il sindaco Conti, il prefetto Castaldo, la dirigente dell’azienda Usl Toscana Nord Ovest) hanno parlato delle nuove prospettive, adesso. C'era anche l'amministratore delegato della Banca Popolare di Lajatico Daniele Slvadori, che ha parlato del ruolo sociale delle banche di prossimità.

I tanti progetti della Fondazione Maffi

La Fondazione Maffi è anche un cantiere di tante nuove iniziative. Uno dei più coinvolgenti è la “palestra di Gabriele”, un modo per tutti per imparare le fragilità, predisporre all’ascolto.

Non è l’unico progetto che è stato presentato. Ci sono tanti oggetti realizzati con estro e soprattutto passione dai fratelli preziosi (gli ospiti delle strutture della Fondazione Maffi), ci sono le reinterpretazioni di grandi opere d’arte. Che sono le pagine di un calendario ma anche vere e proprie opere autonome, che saranno esposte presto a palazzo blu.

A concludere l'evento è stato l'arcivescovo di Pisa Giovanni Paolo Benotto.

Numeorsi anche i momenti artistici, introdotti da Claudio Achilli. Il costumista Diego Fiorini ha anche presentato la nuova bandiera della Fondazione Maffi, sventolata da tutti i presenti.

 

 

Condividi questo articolo

Pubblicità