L’Accademia Navale di Livorno compie 140 anni

Compie 140 anni l’Accademia Navale di Livorno. Era il 6 novembre 1881 e l’ammiraglio e ingegnere livornese Benedetto Brin (che era il ministro della marina dei governi Depretis prima e Crispi dopo) decise di fondere a metà strada proprio a Livorno le due scuole navali di Napoli e Genova. I nostri telespettatori sanno benissimo cosa rappresenta oggi l’Accademia Navale. Qui si mescolano la tradizione e l’innovazione, il senso del dovere e l’apertura verso il mondo. La nave Vespucci (che festeggia un altro anniversario tondo, 90 anni. Fu varata nel febbraio del 1931) ne è l’icona incontrastata, ambasciatrice della bellezza e dell’efficienza italiana nel mondo. Per Livorno è l’Accademia è un simbolo stesso della città. E anche una fonte di ricchezza.

La festa dei 100 anni dell'Accademia Navale di Livorno

Ma tanti nostri telespettatori, certamente i più giovani, non ricordano cosa accadde 40 anni fa, nel centenario dell’Accademia. E in tv (ma anche in streaming qui) noi, che siamo un po’ la cassaforte delle immagini di mezza Toscana da quasi mezzo secolo, ve lo facciamo rivedere adesso. Partendo da quella imponente sfilata degli allievi che attraversò il lungomare della città il 24 luglio 1981. Non c’erano le donne in divisa, che invece oggi sono un cardine della nostra Marina.

C’era il presidente di allora, Sandro Pertini, e fu una grande festa. Arrivarono le navi scuola di tutto il mondo, noi sperimentammo anche la telecronaca diretta (una delle prime diretta per un tv locale, in Italia).

Per molti quella fu l’occasione di conoscere anche al suo interno questa cittadina militare proiettata sul mare, costruita accanato ad una delle chiese più antiche della città, quella di San Jacopo. Oggi la pandemia limita i festeggiamenti ma certo per tutti i toscani, l’Accademia Navale di Livorno è un gioiello ancora da valorizzare.

L'esempio di Tolone, in Francia

Le nostre telecamere un mese fa sono state a Tolone, in Provenza, la sede storica di un’altra gloriosa marina, quella francese. In ogni angolo di questa bella città, più o meno grande come Livorno, ci sono richiami alla storia del mare, alle navi e ai militari che lo solcano. Persino la cartellonistica stradale richiama i cappelli da marinaio. Questo può essere un esempio anche per noi.

La foto pubblicata è nel sito della Marina Militare

Condividi questo articolo

Pubblicità