Rilevamenti subacquei: il robot dell’Università a Campo

SAN GIULIANO TERME - Rilevamenti subacquei: immerso Zeno, il robot dell'Università. E' successo a Campo, frazione di San Giuliano Terme. Ha la forma di una razza, è giallo e soprattutto riuscirà a misurare la profondità del laghetto, a dare informazioni sulla fauna e la flora che lo abitano. Informazioni utili al Comune di San Giuliano Terme che dovrà impostare politiche specifiche per la riqualificazione ambientale dello spazio. Si tratta di uno spazio acquisito dalla ditta "Donati laterizi" che ha praticamente scavato in quest'area per ricavarne mattoni da costruzione. Ora è diventato uno splendido angolo del territorio dove si vive una pace inesprimibile. L'area è stata attrezzata dal Comune per una fruizione collettiva, sempre nel rispetto dell'ambiente e del lago.

Una splendida zona naturalistica lacustre, quindi, che diventerà un laboratorio a cielo aperto per il team di robotica subacquea del Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione (DII) dell’Università di Pisa Il gruppo condurrà nelle acque diversi esperimenti che consentiranno un monitoraggio permanente e non invasivo dell’area.

E' stato così inaugurato un accordo tra il Comune di San Giuliano Terme e il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione, che consentirà ai ricercatori di fruire del lago per mettere al lavoro Zeno, un drone subacqueo autonomo in grado di monitorare lo stato del fondale e delle acque. L'inaugurazione proprio in queste ore.

Per l'occasione, Zeno ha effettuato il primo monitoraggio, alla presenza dell'assessore all'ambiente del Comune di San Giuliano Terme, Filippo Pancrazzi, e del Direttore del Dipartimento di Ingegneria dell'Informazione (DII) dell'Ateneo Pisano, Andrea Caiti.

“A bordo del robot abbiamo vari sensori, incluso un side scan sonar - spiega Riccardo Costanzi, docente di robotica al DII - Da Zeno partiranno segnali acustici diretti al fondale, per stabilire in modo preciso la profondità grazie all’analisi dell'eco riflessa. Manderemo anche onde acustiche diffuse, per comprendere sia la conformazione del fondale sia le dimensioni della fauna marina che ci vive. In questo modo saremo anche in grado di individuare ed identificare eventuali oggetti presenti sul fondale.

Inoltre, il robot è dotato di telecamera. Dopo il suo monitoraggio potremo quindi unire le informazioni visive e quelle acustiche, ed avere una mappatura precisa del lago.

Questa convenzione ci permette di sperimentare diverse funzionalità del robot in un ambiente protetto come quello del lago e, al contempo, di mettere a disposizione del Comune di S. Giuliano Terme informazioni di montaggio ambientale sempre aggiornate”.

Zeno si immerge nel lago di Campo

Zeno si immerge nel lago di Campo

Il team di robotica subacquea del DII, secondo a sinistra Riccardo Costanzi, a seguire Andrea Caiti, Filippo Pancrazi assessore del comune di San Giuliano Terme ed Elena Fantoni del servizio ambiente del comune di San Giuliano Terme.

La nostra emittente ha realizzato un servizio inserito nel nostro telegiornale e visibile sulla nostra live tv e anche un servizio di approfondimento "Prisma" che sarà programmato nei prossimi giorni.

Condividi questo articolo

Pubblicità