“Il fatto non sussiste” si chiude maxi-inchiesta in porto

LIVORNO - “Il fatto non sussiste” così si è conclusa questa mattina in tribunale a Livorno la vicenda che tre anni fa ha investito i vertici dell’Autorità di sistema portuale livornese, il presidente e il segretario generale di allora, rispettivamente Stefano Corsini e Massimo Provinciali, ed alcuni personaggi di spicco del mondo imprenditoriale labronico e non solo come i cugini omonimi Corrado Neri, alla guida di aziende del gruppo di famiglia, Massimiliano Ercoli, in precedenza amministratore di Seatrag Autostrade del Mare, e Costantino Baldissara, figura-chiave dell’armatore Grimaldi nel porto di Livorno.

Le indagini della procura avevano ricevuto impulso da due esposti presentati da un terminalista che attraverso una relazione dettagliata segnalava comportamenti reiterati dell'Autorità portuale "posti in essere in violazione di legge e dei principi di buona amministrazione e della concorrenza di mercato". Comportamenti che a giudizio del gip Marco Sacquegna avrebbero favorito alcune società, tutte collegate proprio all'armatore Grimaldi.

Ricordiamo anche che nell'ambito di questa inchiesta erano stati interdetti per diversi mesi sia il Presidente Corsini che il segretario Provinciali, decisione poi cancellata dalla stessa Cassazione, mentre era stata respinta dal gip la richiesta di misura interdittiva per Giuliano Galanti, che si era dimesso da presidente dell'Autorità portuale nel marzo 2017, e Matteo Paroli, che dall'ottobre 2015 era Segretario generale dell'Autorità di Sistema portuale del Mare Adriatico centrale "dunque fuori dalle dinamiche illecite (e lecite) di Livorno". Entrambi erano comunque indagati.

Una vicenda che nella mattina di questo martedì ha avuto un nuovo importantissimo sviluppo, anzi l'assoluzione piena di tutti gli imputati, poiché il giudice ha stabilito che il "Fatto non sussiste". Un servizio dedicato con l'intervista al legale degli imputati nei telegiornali di questo martedì su Telegranducato, visibili anche sulla nostra Live Tv.

 

Condividi questo articolo

Pubblicità