La Erre Due guarda all’idrogeno da 37 anni

LIVORNO- Un azienda, la Erre Due nata 37 anni fa con uno sguardo profetico, la produzione di gas tecnici alternativi, tra questi l’idrogeno, quando l’attenzione era scarsa e comunque rivolta verso richieste particolari. Ora è sempre più impellente trovare energie alternative e l’azienda ha alle spalle decine di anni di esperienza e col tempo è cresciuta fino a divenire un nome conosciuto a livello mondiale fino ad entrare ad essere quotata in borsa dal mese di dicembre.

erre due macchinari

Un grande passo in avanti che entusiasma il fondatore e CEO dell’azienda, Enrico d’Angelo, il quale con caparbia volontà è arrivato ad acquisire nei dintorni della zona del Picchianti lo spazio per creare un largo complesso produttivo unitario e permetta un raddoppio dei dipendenti che a breve potrebbe toccare le 150-160 unità, in gran parte formata da giovani.

In un futuro già iniziato, l’azienda arriverà ad occupare 17.000 mq nell’area industriale dismessa della zona Picchianti e già sono state allacciate partnership in corso di sviluppo con differenti università e istituti di ricerca.

Il mercato sul quale l’azienda si affaccia è in ha una gamma di clientela, in maggioranza estera, che va dal più piccolo laboratorio fino alla grande industria, capace di fornire una gamma completa di prodotti per la generazione e la purificazione di gas di assoluta eccellenza e avanguardia.

Erre due, visita sindaco

Un biglietto di potenzialità che porta ad un incontro tra la dirigenza industriale e il sindaco Salvetti, accompagnato dall’assessore allo sviluppo economico Simoncini, per una visione di insieme dell’azienda e il soddisfatto sostegno del governo municipale.

Una nuova Gigafactory che seguirà il sogno del titolare, dare economia al territorio, dare lavoro ai giovani del territorio e dare agli stessi ottime opportunità per una vita solida e sicura.

Erre due bar 30

Ne parliamo nei nostri notiziari che possono essere seguiti anche su cellulare e smartphone con la app di Live Tv

Condividi questo articolo

Pubblicità