Medici in pensione a 72 anni? Critici i sindacati

ROMA - Medici in pensione a 72 anni, rispunta questa ipotesi, già bocciata nella Manovra di fine anno. Alla base l'obiettivo di far fronte alla carenza di personale, consentire l'incremento dei laureati in medicina e chirurgia con le relative specializzazioni, garantire continuità nell'erogazione dei livelli essenziali di assistenza e ridurre i tempi delle liste d'attesa.

Per  i sindacati Anaao Assomed e Smi hanno  si tratta di una misura utile solo a favorire determinate lobby ed inutile per rispondere al problema della carenza di personale, né tantomeno utile ad un rinnovamento di un sistema sanitario in stato agonizzante. In merito al tema farmaci è intervenuto il ministro della Salute Orazio Schillaci: "Esiste un'ampia disponibilità di farmaci equivalenti sul mercato. In questo l'Italia ancora ne prescrive pochi rispetto alle altre nazioni europee, e per questo stiamo agendo in sintonia con i medici di medicina generale".

 

Condividi questo articolo

Pubblicità