Infiorata dell’annunciazione: al via i festeggiamenti del Capodanno pisano

PISA - Infiorata dell'annunciazione: al via i festeggiamenti del Capodanno in stile pisano. Un ricco programma di iniziative anticipa la giornata di lunedì 25 marzo, Capodanno in stile pisano, quando Pisa entrerà, secondo antica tradizione, nel 2025 con nove mesi di anticipo rispetto al resto del mondo.

A partire da oggi, sabato 23 marzo sarà esposto agli Arsenali Repubblicani il grande plastico raffigurante la Pisa medievale. Testimonianza preziosa di quella che fu la città ai tempi della Repubblica marinara. Il plastico, realizzato nel 2003 in occasione del convegno “Pisa e il Mediterraneo”, non era visibile da molto tempo ed è stato restaurato per l’occasione.

Sempre sabato, alla chiesa della Spina è allestito (dalle ore 11.00, la chiesa rimarrà aperta fino al 25 marzo, orario 10.00-12.00 e 14.00-17.00) sarà visibile la “Infiorata dell’Annunciazione”, riproduzione con petali di fiori di un’immagine dell’Annunciazione.

 

Nel pomeriggio in palazzo Gambacorti (sala Baleari, ore 16.30) si svolgerà la cerimonia per i 50 anni dell’associazione musici sbandieratori “Città di Pisa”. Mentre la sera in piazza dei Cavalieri, si terrà lo spettacolo teatrale di strada “Aurora” a cura della compagnia ‘Piccolo Teatro Nuovo”, con attori, trampolieri, musica ed effetti pirotecnici.

Domenica 24 marzo, poi, è dedicata ai festeggiamenti per i cinquant’anni dell’associazione sbandieratori di Pisa (ore 11.00 e ore 15.00) con uno spettacolo insieme ai loro omologhi provenienti da tutta la Toscana: sbandieratori e musici della città di Bettolle (SI), il Gruppo storico alfieri e musici della Malmarina di Calenzano (FI), gli sbandieratori della Contrada Querciola di Fucecchio (FI), sbandieratori e musici della Compagnia dell’Orso di Pistoia, compagnia sbandieratori e musici di Santa Croce di Suvereto (LI).

Infine, lunedì 25 marzo, l’appuntamento è come da tradizione in Cattedrale, con il corteo storico della Rappresentanza pisana che sfilerà da piazza XX Settembre (ore 11.00) per arrivare in Cattedrale quando alle 11.30 si svolgerà la cerimonia del raggio di sole che segna il passaggio al nuovo anno. Una tradizione che si richiama a quanto attestato già da documenti del X secolo che testimoniano come la città facesse coincidere l’inizio del nuovo anno con l’Annunciazione a Maria Vergine dell’Incarnazione di Gesù.

Nei giorni del Capodanno pisano i palazzi comunali saranno addobbati con i vessilli storici di Pisa; mentre il Ponte di Mezzo mostrerà i vessilli degli antichi quartieri medievali di Ponte, Mezzo, Foriporta e Chinzica. Intanto, da giorni sono visibili in città i manifesti del Capodanno pisano realizzati con l’opera dell’artista Renzo Galardini realizzata per l’occasione.

 

Telegranducato realizzerà per l'occasione una serie di servizi inseriti nel nostro tg e anche un servizio di approfondimento, Cronache Locali e anche on line sulla nostra live tv.

 

Condividi questo articolo

Pubblicità