Fari puntati sul giornalismo al femminile tra passione e sacrifici

PISA - Fari puntati sul giornalismo al femminile tra passione e sacrifici. Ad accenderli il Consiglio Cittadino Pari Opportunità del Comune di Pisa. Nella Sala Baleari del palazzo comunale sotto i riflettori si sono poste 13 donne del giornalismo tra tv, radio, carta stampata e uffici stampa con rapporti di lavoro diversi. C'è chi pratica il giornalismo come principale professione e chi quasi per hobby o, comunque, al termine di un'altra attività lavorativa, e c'è anche chi ora è in pensione e, magari, ha accompagnato qualcuna delle giornaliste oggi operative che hanno fatto tesoro dei consigli preziosi delle più esperte. Ad unirle la passione per questo lavoro, tanto bello quanto impegnativo. Sia che si lavori con un microfono in mano, sia che si lavori con una penna e un taccuino la  costante è che bisogna essere sempre pronte a partire per raccontare un fatto di cronaca, una decisione politica, un evento in genere.

A volte si entra nella vita di famiglie straziate dal dolore per un brutto incidente, a volte quasi s'interrompe una cerimonia istituzionale per chiedere un commento urgente a qualche politico importante, a volte si condividono momenti di gioia e di felicità per qualche successo inaspettato di vario tipo. Tuttavia, tutto deve essere fatto con grande cura, nel rispetto delle persone  coinvolte e nel minor tempo possibile. E ciò non è sempre facile per chi ha famiglia e non è più nel fiore della gioventù. I colleghi e le colleghe sono sempre pronti a collaborare e a dare una mano ma, a volte, rischia di non essere sufficiente. Ciò soprattutto in un mondo come quello del giornalismo, colpito da un tale e profondo cambiamento e a cui, negli ultimi anni, l'avvento del digitale ha ulteriormente impresso una forte accelerata che mette a dura prova chi lavora nel settore se non riesce ad adeguarsi ai tempi.

Entrando nel merito si sono affrontati diversi temi e le giornaliste presenti sono state sottoposte ad una serie di domande. Nel raccontare fatti e notizie la donna giornalista ha più tatto? Nel trattare casi di violenza di genere usa parole più consone rispetto al collega uomo? E poi le giornaliste hanno un trattamento economico e una considerazione maggiore rispetto al collega maschio all'interno di una redazione? E' emerso che non si può generalizzare, certo, ma che, tuttavia, forse, la giornalista riesce a stabilire più empatia con gli interlocutori. Se si tratta di persone coinvolte direttamente nel fatto di cronaca si presenta più in punta di piedi del collega uomo; se si tratta di autorità politiche e\o militari riesce a strappare più facilmente commenti agli interessati; più in generale cura maggiormente il linguaggio da usare per trattare taluni episodi di cronaca. Per ciò che riguarda le disparità economiche o simili è stato sottolineato che tra le giovani generazioni, forse anche quelle meno tutelate sindacalmente, ciò non si riscontra (insomma è difficile strappare un buon contratto di lavoro sia per le giornaliste donne  che per i giornalisti uomini), mentre soprattutto coloro che ora sono in pensione hanno fatto notare tutte le difficoltà incontrate all'inizio della loro carriera sia nel fare conciliare i tempi di vita con quelli di lavoro sia nell'affermarsi come professioniste.

Grande soddisfazione per la presidente del Consiglio Cittadino Pari Opportunità, Silvia Silvestri che, insieme agli altri membri dell'organismo ha fortemente voluto e organizzato l'iniziativa e si è detta contenta della buona riuscita dell'iniziativa.

In apertura della stessa è stata ricordata Daniela Salvestroni, la collega recentemente scomparsa che aveva fatto di questo lavoro la sua grande passione. La sua capacità, la sua sensibilità e il suo grande amore per la carta stampata e anche la televisione le avevano  permesso di farsi apprezzare da tutti nei suoi molteplici rapporti di collaborazioni con quotidiani e tv locali, tra cui anche la nostra emittente.

Il ricordo di Daniela è stato fatto direttamente dalla presidente del Consiglio Cittadino Parti Opportunità, Silvia Silvestri.

Telegranducato ha realizzato un servizio inserito nel nostro telegiornale e visibile sulla nostra live tv.

Condividi questo articolo

Pubblicità