Verso gli esami di maturità, modalità e novità

Pochi giorni separano gli oltre 520 mila studenti italiani all'esame di maturità. Si parte il 19 giugno alle ore 8,30 con la prima prova, uguale per tutti che accerta sia la padronanza della lingua italiana (o della diversa lingua nella quale avviene l'insegnamento) sia le capacità espressive, logico-linguistiche e critiche degli studenti. La prova ha una durata massima di sei ore con sette tracce che fanno riferimento agli ambiti artistico, letterario, storico, filosofico, scientifico, tecnologico, economico, sociale.    La seconda prova riguarda una o più delle discipline che caratterizzano il corso di studi. Dai licei arriva il maggior numero di candidati, seguono quelli degli istituti tecnici, infine gli istituti professionali. Il colloquio che riguarda anche l'insegnamento dell'educazione civica è poi in chiave pluri e interdisciplinare: la commissione valuta sia la capacità del candidato di cogliere i collegamenti tra le conoscenze acquisite, sia il suo profilo educativo, culturale e professionale. Prenderà il via da uno spunto iniziale scelto dalla Commissione. Il candidato espone, mediante una breve relazione o un elaborato multimediale, l'esperienza PCTO (percorsi per le competenze trasversali e per l'orientamento) svolta nel percorso degli studi. Qualche confusione ha creato quest'anno una novità, il 'capolavoro' ma, come ha chiarito il ministero, non verrà analizzato e valutato in sede di prova orale. La sezione 'capolavoro' dell'E-Portfolio è stata creata solo per aiutare gli studenti a selezionare e conservare i loro lavori più importanti dell'anno scolastico.    Nello scrutinio finale il consiglio di classe attribuisce il punteggio per il credito maturato nel secondo biennio e nell'ultimo anno fino a un massimo di 40 punti: 12 per il terzo anno, 13 per il quarto anno e 15 per il quinto anno. La valutazione sul comportamento concorre alla determinazione del credito scolastico. Il voto finale dell'Esame di Stato è espresso in centesimi così suddivisi: massimo 40 punti per il credito scolastico;  massimo 20 punti per il primo scritto; massimo 20 punti per il secondo scritto; massimo 20 punti per il colloquio. Dalla somma di tutti questi punti risulta il voto finale dell'Esame. Il punteggio massimo è 100 (c'è la possibilità della lode). Il punteggio minimo è 60/100.

Condividi questo articolo

Pubblicità