Seconde case in Toscana, stretta della Regione

Nuova stretta sulle seconde case. Il presidente della Regione Eugenio Giani ha firmato infatti una nuova ordinanza che vieta l’accesso da altre regioni in Toscana a chi non ha qui, nella nostra regione, il medico di famiglia.

Seconde case off limits per molti, dalle altre regioni

“Non voglio che si ripetano le situazioni della scorsa primavera, con tropi ricoveri e purtroppo tanti morti in Lunigiana e Versilia, dove erano giunti in molti dal Nord”.

Un provvedimento analogo era stato già preso nel novembre scorso. “Ho ricevuto critiche – ammette lo stesso Giani – ma devo tutelare questo territorio e i suoi cittadini”.

La notizia dell’ordinanza sulle seconde case, peraltro attesa, l’ha data il presidente in una videodichiarazione.

La Toscana ancora in zona gialla, il punto sui vaccini

Restare in zona gialla (leggi qui) è un’ottima cosa. L’indice di contagio RT è 0,98, i 21 parametri analizzati a Roma rivelano per la Toscana un “rischio basso”, almeno rispetto ad altre regioni. Anche gli ultimi dati si mantengono in linea con quelli degli ultimi giorni (vedi qui).

La campagna per i vaccini è ben avviata, commenta ancora Giani. Sono 75mila ormai i toscani vaccinati e molti di loro hanno ricevuto anche il richiamo. Il ritardo nelle forniture dalla Pfizer complica un po’ le cose, ma la Regione conta di recuperare il terreno e vaccinare gli operatori sanitari, gli insegnanti, la popolazione a rischio e via via tutte le altre fasce della popolazione. “Senza una corsa tra categorie – dice ancora – ma tenendo conto dei criteri del governo e di chi è più a contatto con il rischio di contrarre il virus”.

Cambiano colore Lombardia e Sardegna

A livello nazionale, cambiano colore alcune regioni. Fa discutere la decisione di riportare la Lombardia in arancione, probabilmente per un errore nei dati della scorsa settimana. Va in zona arancione (ma era in giallo come la Toscana) anche la Sardegna. Per gli esperti l'epidemia non è ancora sotto controllo e preoccupano adesso le possibili varianti del virus.

Condividi questo articolo

Pubblicità