Nuovo DL. Le novità fino al 30 Aprile

ROMA - Ci sono regole importanti nel nuovo decreto legge del Consiglio dei Ministri. Introduce una stretta su molte misure: non sono previste zone gialle fino al 30 aprile salvo specifiche deroghe. La bozza del nuovo decreto legge Covid è stata discussa durante un Consiglio dei ministri chiamato a dare il via libera alle nuove norme in vigore dal 7 al 30 aprile. Norme che, secondo le schema stabilito nell'ultima cabina di regia, escludono quindi la riapertura a pranzo di bar e ristoranti, prevista invece solo dal colore giallo.

Le scuole tornano in presenza fino alla prima media, anche in zona rossa. È previsto l'obbligo vaccinale anche per i farmacisti e saranno concesse deroghe per riaprire in base a contagi e vaccini. Le scuole tornano in presenza fino alla prima media, anche in zona rossa. Non sarà consentito andare a trovare parenti o amici una volta al giorno e in massimo due persone (oltre ai minori di 14 anni conviventi) come invece sarà permesso nel weekend di Pasqua quando tutta Italia sarà in rosso. E' quanto prevede la bozza del decreto . Le visite, sempre una sola volta al giorno e sempre in non più di due persone, saranno invece consentite in zona arancione, all'interno del comune di residenza.

Dal 3 al 5 aprile arterie stradali, hub, parchi, luoghi della movida e spiagge d'Italia - tutta in zona rossa per tre giorni - saranno sorvegliate speciali dalle forze dell'ordine.  le indicazioni del Viminale ai prefetti sono quelle di potenziare il monitoraggio sugli spostamenti in occasione delle festività. La ministra dell'Interno  ha annunciato controlli "rigorosi", ma sempre nel segno dell'equilibrio, in modo da  considerare  la stanchezza degli italiani alle prese con un anno di divieti e chiusure.

 

Condividi questo articolo

Pubblicità